cervello
Un dispositivo che “leggerà” il pensiero

Gli scienziati giapponesi hanno creato una tecnologia che analizza le onde cerebrali attivate prima dell’emissione di ogni sillaba. Lo studio porterà all’uso di un word processor che permette di “scrivere le immagini della voce”, senza parlare e senza usare le dita.

Sono sei i ricercatori della University of Technology Toyohashi del Giappone centrale ad aver studiato le onde cerebrali che si attivano e si formano nel cervello quando una persona ricorda le sillabe prima di parlare. Il tutto mentre indossa un casco con 64 elettrodi per studiare, appunto, le emissioni del cervello.

Il direttore del progetto, Tsuneo Nitta, ha riferito di essere riuscito a creare una serie di modelli delle onde cerebrali e identificare le sillabe con una precisione del 60 per cento.

Questa tecnologia potrebbe aiutare le persone con problemi come la miastenia, ovvero una malattia cronica che causa debolezza muscolare e, dunque, una fatica ad interagire con l’interlocutore. Quel che si viene a creare è una sorta di smartphone per l’interazione che può, in un certo senso, “leggere” la mente.

Ora, la sfida per gli scienziati sarà quella di creare un word processor attivato dal pensiero. Inoltre, un successivo obiettivo è quello di aumentare la precisione del riconoscimento delle sillabe e superare alcuni ostacoli, come il cambiamento delle onde cerebrali di ogni persona.