Nel 2009 due informatici lanciano una nuova piattaforma messaggistica: Whatsapp. Inizialmente erano in pochi ad averla, ma era un metodo economico e comodo, oltre che veloce, per inviare messaggi a chi avesse la stessa applicazione. Praticamente si inviano messaggi senza pagare, con questa applicazione che funzionava con la tariffa internet.
Insomma, in breve tempo, visto la praticità, tutti hanno iniziato a installare questa applicazione conveniente.
Anno dopo anno poi, ha avuto sempre delle modifiche, continui aggiornamenti che ne hanno migliorato le prestazioni sempre di più, si è passato alle emoji, sempre più numerose, alle immagini, video, documenti e si è arrivati anche a poter pubblicare non solo una frase come stato, ma anche delle storie istantanee. Una continua evoluzione che ci ha portati ad essere sempre più legati e “dipendenti” da tutto ciò che era possibile fare. Note vocali che si possono registrare senza fine, dove poter parlare e raccontare ciò che si vuole, registrare musica o quant’altro ancora e inviarlo ai nostri amici.

Whatsapp, conviene usarlo?

Insomma, sempre più parte della vita di ognuno, sempre più dipendenti da questa tecnologia. Ma bisogna ammettere che tutto questo non fa bene, soprattutto quando si è presi totalmente, quando non si riesce a fare null’altro se non questo. Un continuo arrivo di messaggi che contengono i più vari dei contenuti, ore ed ore passate lì, tra una chat e l’atra.
Molti si sono resi conto che whatsapp li ha come resi prigionieri, ovviamente in senso metaforico, in quanto, non riuscendone a fare a meno, risulta sempre più difficile concentrarsi sul proprio da farsi, fare le cose in modo concentrato e bene.
Cosa peggiore è l’utilizzo di whatsapp mentre si è alla guida, un pericolo assurdo, indecifrabile da descrivere, perché praticamente si rischia la vita, non solo la propria, ma anche quella di tante altre persone.
Vale lo stesso per la distrazione che dà l’utilizzo di whatsapp mentre si cammina per strada, o ovunque a piedi. E’ sempre pericoloso fare cose e stare lì con l’attenzione, lo sguardo e la testa su whatsapp. Ci si può far male, non solo a noi stessi, ma anche agli altri.
Sono migliaia gli incidenti stradali causati da utenti che usano distratti per via di whatsapp alla guida, così come coloro che hanno avuto incidenti mentre erano a piedi, sulla bici o in motorino. In fondo è un attimo soltanto.
Whatsapp è la giusta tecnologia, per mandare messaggi, note vocali, contenuti multimediali vari e restare a contatto con persone vicine e distanti, grazie a chiamate e video chiamate, ma bisogna usarlo con intelligenza, con attenzione, con responsabilità. Quindi bisogna cercare di non essere troppo presi o inciampare nell’errore fatale che possa portare a gravi conseguenze.

Ecco una serie di consigli per fare una guida di sopravvivenza da whatsapp: ecco come farne a meno.

Non è difficile, non sarà la fine del mondo, non porterà catastrofi, aiuterà solo tutti ad avere una vita migliore, con meno distrazioni e pericoli.
Come prima cosa bisogna realizzare che c’è la gente che ha una vita. Questo può essere difficile, oltre che un pensiero banale, da accettare, ma purtroppo è vero. Perché al di là dei semplici messaggi, c’è chi ama avere conversazioni vere, dal vivo, faccia a faccia con le altre persone, allora basta chiamare questa persona e invitarla per un caffè. Iniziate da questo piccolo particolare ad esempio, scegliete una delle persone con le quali più messaggiate su whatsapp e invitatela a prendere un caffè, un dolcetto, qualche cosa da bere, un aperitivo. Vedete che la conversazione sarà più bella, dal vivo certi argomenti si possono spiegare meglio, inoltre ci sarà il piacere di degustare qualche cosa di buono, di incontrare gente nuova e vedere nuovi posti. Non sarà così brutto, si potrà rivelare per forza qualcosa di piacevole.

Leggi anche: Meglio Whatsapp o Telegram?
Un’altra cosa da fare, da provare assolutamente, è smetterla di avviare una conversazione lunga 1 ora per spiegare pochi semplici concetti o una cosa vissuta. Chiudete whatsapp e chiamate direttamente questa persona, vi costerà meno fatica, meno parole, meno tempo, inoltre nulla di meglio che raccontare qualcosa a voce e ascoltare e rispondere alle reazioni dell’altra persona istantaneamente.
Questi piccoli passi porteranno a godere di più delle cose più semplici. Farete poi a meno di whatsapp, perché sarà più bello sentire una risposta e rispondere istantaneamente, senza dover scrivere, così come una risata, nulla di meglio che sentire che siete divertenti per l’altra persona.
Senza whatsapp vi eviterete anche lo stress di dover attendere risposte che non arriveranno subito, intanto voi siete lì in attesa, sempre più trepidanti e nervosi, intanto la risposta non arriva, iniziate così a pensare tante cose negative, ignorando le cose più semplici, come ad esempio che la persona sta guidando, quindi non ha modo di prendere il cellulare, leggere i messaggi arrivati e rispondere. Oppure l’altra persona sta dormendo, sta facendo la spesa, sta parlando con qualcuno oppure non può scrivere, ma ad esempio potrebbe parlare, mentre ha gli auricolari. Per questo, si può fare una semplice chiamata, evitando problemi e stress.
Altro stress inquietante è l’essere on line e dover per forza rispondere agli altri, che nel caso non ricevessero una risposta immediata iniziano a bombardare di messaggi. Senza whatsapp questo stress non esiste. Sarà difficile non avere voglia di usare whatsapp, quindi la cosa migliore è quella di disinstallare l’applicazione e così non si corre il pericolo di usarlo. Facendone a meno per un po’ di tempo, si imparerà a gestirsi meglio nel periodo a venire.
Ci sono altri metodi che si possono usare per la messaggistica, ma senza cadere nella dipendenza assoluta come whatsapp.Si possono usare e-mail, sms, chiamate, mms.

Non è difficile stare lontani da whatsapp, basta lasciare il telefono però, perché legarsi ad altre applicazioni o giochi sul cellulare potrà creare altri tipi di legami forti, quindi, si ci dedica ad altre attività, piacevoli e di immenso interesse.
Quando ad esempio si ha la voglia di messaggiare, si può leggere un libro, oppure leggere articoli di giornali. Questo non solo aumenterà il vostro bagaglio culturale o di cultura generale, ma vi aiuterà a rilassare e a non usare whatsapp.

Oltre a libri e giornali, ci si può dedicare a incontri con amici, dove si può semplicemente parlare, oppure andare a fare shopping, senza cellulare alla mano.
Non sarà difficile, d’altronde è semplicemente un’applicazione, anche se circa il 48% degli italiani, ad esempio, secondo le ultime statistiche, non riesce a fare a meno di whatsapp. Ma non è grave, non è difficile. Basta sapersi distrarre e capire quali alternative utilizzare.
Così come abbiamo già elencato precedentemente, le cose da fare in alternativa per non pensarci sono tante, così come tante sono i metodi alternativi e non nocivi che si possono usare per contattare le persone. Basteranno solo pochi giorni, si vedrà la vita e la realtà con occhi diversi, risulterà più piacevole, e se vi interessa qualcuno avrete modo di starci vicino davvero, senza essere separati e distanti, ma vicino, a contatto, guardarvi negli occhi, sfiorarvi, sentire la voce, percepire le emozioni. La tecnologia è importante e lo sarà sempre, l’esagerazione e la “dipendenza” a certe abitudini, non sarà mai un bene. Seguite questi semplici e comodi consigli e riuscirete a fare a meno di whatsapp, trovando e scoprendo momenti unici e piacevoli. Non costa nulla, basta semplicemente disinstallare l’applicazione, usare il telefono e varie alternative quando si devono contattare gli altri. Avrete più tempo, maggiore privacy e sarete senza stress.