blue whale
Arrestato l’ideatore del gioco Blue Whale

La polizia cinese ha invitato a boicottare la sfida al suicidio malato denominato Blue Whale. Un gioco che ha avuto origine in Russia e, come riferito dalle fonti di informazione più recenti, ha incitato almeno 16 studentesse ad uccidersi. Blue Whale si atteggia a gruppo online di social media che, secondo i tabloid, incita i giocatori a prendere parte a una serie di compiti, come alzarsi alle 4:20, e incitando atti di autolesionismo per 50 giorni consecutivi. Chi prende parte al gioco, quindi, viene istruito a suicidarsi l’ultimo giorno.

Ha 21 anni l’inventore del gioco, tale Philipp Budeikin, intraprendente virgulto proveniente dalla Russia. E’ stato arrestato, però. E la sua “gioco” è finito. Tuttavia, i rapporti di alcuni media sostengono non vi sia mai stata alcuna prova definitiva per collegare il gioco con gli episodi di suicidio degli adolescenti, avvenuti in Russia o in altri paesi.

Ad incastrarlo, però, pare sia stata per la polizia informatica cinese la prova in linea con la sfida entrata nel cyberspazio cinese, con i gruppi di chat QQ che utilizzavano parole chiave come “04:20” e “Blue Whale”. Questi gruppi sono stati bloccati per il timore che i giovani giocatori vulnerabili potessero essere spinti a commettere atti estremi.

Si parla molto oggi di cyberbullismo. Ogni generazione ne viene colpita, seppur in sottostrati e modalità diverse. La società trascorre molto tempo a specificare il significato del termine bullismo che viene etichettato come ogni forma di conflitto o molestia, incomprensione o dramma. Quando però ci sono delle distinzioni da fare.

Certamente, è dannoso per gli adulti piombare sempre in soccorso dei propri bambini, perché questi dovrebbero imparare ad affrontare i problemi. Quello che occorrerebbe fare è permettere loro di affrontare certe forme di avversità. Allo stesso tempo, dovremmo fornire sostegno, incoraggiamento e consigli. I bambini hanno bisogno che venga loro insegnato il concetto di empatia e la capacità di recupero.