divieto tablet
Presto potremmo veder banditi tablet e PC anche sui voli per l’America in partenza dall’Europa

L’amministrazione Americana non perde tempo: è pronto un disegno di legge per rendere effettivo il divieto sugli aerei di tablet e PC anche dall’Europa. Inizialmente il ban era stato concepito per i voli provenienti da Paesi considerati “ad alto rischio”, ed in particolar modo da compagnie provenienti dagli Emirati Arabi.

La sicurezza è un tema cardine del programma elettorale proclamato da Trump, ed interessa il territorio degli Stati Uniti a 360°. Pochi giorni fa è stato attuato, con azione immediata, un decreto che prevedeva una serie di restrizioni sui voli provenienti da Qatar, Turchia, Emirati Arabi e Arabia Saudita. Ora sembra che il blocco potrebbe essere esteso anche ai voli provenienti dall’Europa.

Divieto sugli aerei di tablet e PC: i controlli non sono molto efficaci

Il problema fondamentale da affrontare risiede in un vizio nel rodato sistema di scansione dei bagagli. Al momento risulta impossibile riuscire a distinguere una batteria agli ioni di litio da un esplosivo, a causa dell’alta densità di entrambi. Nei controlli i due componenti risultano essere quasi indistinguibili all’occhio elettronico, rendendo necessari accurati controlli manuali.

Il Dipartimento per la Sicurezza Interna (DHS, Department for Homeland Security, NdR) ha lanciato l’allarme per primo. Secondo i suoi esperti ci sono concrete informazioni per cui terroristi e malintenzionati potrebbero nascondere esplosivi all’interno di dispositivi elettronici, che verrebbero scambiati per batterie al litio ai controlli.

Una soluzione potrebbe essere quella di vietare a bordo tutti i dispositivi elettronici più grandi di uno smartphone. I regolatori Europei però hanno fatto notare che stivare centinaia di dispositivi elettronici all’interno delle stive potrebbe compromettere ancora di più la sicurezza del volo. Crescerebbe a dismisura il rischio di incendi a causa di batterie al litio non completamente disattivate e in sicurezza.