robot
Il robot che “ruba” la voce

Il futuro comporta necessariamente l’automazione e l’integrazione dei robot nella vita di tutti i giorni. Se pensavate, però, che tale possibilità sarebbe stata relegata in un domani piuttosto lontano, magari seguendo un’evoluzione fluida e naturale, questa non è più data per scontata in quanto è stato finalmente sviluppato un software che permette di imitare la voce umana.

Il software è stato creato dalla startup canadese Lyrebird. Messo in pratica, il sistema utilizza le reti neurali e una serie di algoritmi di apprendimento per imitare qualsiasi voce umana. Naturalmente, c’è ancora molto lavoro da fare per rendere lineare, chiaro e preciso il suono che viene emesso. Ma, attualmente, nei test di prova finora eseguiti, il software è stato in grado di riprodurre appieno la voce impostata dei discorsi di Barack Obama, Hillary Clinton e Donald Trump.

Si prevede, inoltre, che questo software possa andare ad integrare le comunicazioni a lunga distanza, forse consentendo un senso di vicinanza tra i parlanti rispetto a quelle che oggi si percepiscono.

Leggi anche:  I robot ruberanno il lavoro agli umani, secondo il Mit in modo inferiore nelle metropoli

Il software di Lyrebird rappresenta un significativo passo avanti per la tecnologia vocale, soprattutto in virtù della sua capacità di catturare diverse sfumature. Particolare, questo, che ha sollevato preoccupazioni relative alla sicurezza e alla privacy. Ad esempio, nelle mani sbagliate, questo potrebbe facilitare il furto di identità. Lyrebird è consapevole dei pericoli e avverte che il suo programma potrebbe essere utilizzato per manipolare le registrazioni che vengono comunemente utilizzate come prova nei procedimenti giudiziari. “La nostra tecnologia si interroga riguardo la validità delle registrazioni vocali come forti elementi di prova in quanto consente di manipolare facilmente le registrazioni audio“, ha specificato la società. “Questo potrebbe potenzialmente avere conseguenze pericolose relativamente ad atti diplomatici fuorvianti, di frode e, più in generale, qualsiasi altro problema causato dal rubare l’identità di qualcun altro“.