smartphone
Quale il legame tra smartphone e tumori

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente, ne se sei (ancora) preoccupato. C’è chi dice, infatti, che non dovremmo esserlo – ogni tot. tempo esce un nuovo studio che ci assicura di stare tranquilli – e c’è chi dice assolutamente di usare auricolari e limitarne l’uso – e, a seguire, una sequela di studi che associano smartphone al rischio cancro

Ci sono circa 6,9 miliardi di smartphone n tutto il mondo, secondo i dati forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ovviamente, abbiamo bisogno e dipendiamo dai nostri telefoni, ma non c’è ancora risposta alla domanda assillante in merito alla loro sicurezza. Un tribunale italiano, proprio recentemente, ha assegnato ad un uomo di 57 anni una pensione finanziata dallo Stato di 500 euro al mese dopo aver appurato che un uso eccessivo del cellulare per il suo lavoro gli ha causato un tumore al cervello. Roberto Romeo, questo il suo nome, ha dichiarato di aver dovuto usare il suo telefono per quattro ore al giorno per 15 anni.

Se il tribunale, però, sembrava riconoscere almeno un legame causale tra telefoni cellulari e rischi per la salute, gli studi scientifici sono stati un po’ più inconcludenti. Cellulari e telefoni cordless utilizzano la radiazione a radiofrequenza (RF) per mandare segnali. L’energia a radiofrequenza è una forma di radiazione elettromagnetica che può essere sia ionizzanti che non ionizzanti, come riporta il National Cancer Institute. Le radiazioni ionizzanti includono i raggi X, che si è dimostrato essere dannosi; ma l’evidenza è ancora incerta per quanto concerne i raggi non ionizzanti.

Il neurochirurgo Sanjay Gupt si è espresso riguardo l’uso degli auricolari. “A breve termine, queste microonde sono probabilmente innocue, ma a lungo termine potrebbero avere una storia diversa. In ogni caso, a chi piace l’idea di un forno a microonde, anche uno di bassa potenza, accanto alla propria testa tutto il giorno?“.

Nel 2016, i ricercatori del National Toxicology Program US hanno esposto i ratti a radiazione RF per circa nove ore al giorno, sette giorni alla settimana. Lo studio ha rilevato che i topi avevano una maggiore probabilità di sviluppare il tumore al cervello e nel cuore. Al contrario, i topi che non erano stati esposti a RF aveva sviluppato eventuali tumori. Anche se uno studio sui ratti non si traduce direttamente agli esseri umani, comunque fornisce ai ricercatori più prove quando si studia l’effetto della RF sulle persone.

In passato, altri studi hanno prodotto risultati contrastanti:

  • Una serie di ricerche si sono chieste se le radiazioni non ionizzanti prodotte da telefoni cellulari potessero effettivamente danneggiare il DNA. Uno studio sui ratti condotto nel maggio 2016 ha rilevato che non vi erano danni del DNA in coloro che avevano ricevuto i più alti livelli di radiazione. Un’analisi del 2015 ha scoperto che la RF ha effetti dannosi nelle cellule viventi, tra cui il danno ossidativo del DNA.
  • Un consorzio di ricercatori proveniente da 13 paesi ha esaminato i dati di questionari compilati dagli utenti di cellulari. La maggior parte delle analisi non hanno mostrato alcun aumento di tumori al cervello o del sistema nervoso centrale in relazione all’uso del cellulare più elevato.
  • Uno studio danese ha confrontato il numero record di 358 mila abbonati per informazioni sul tumore al cervello. Non si è riscontrata alcuna associazione tra l’uso del cellulare e i vari tipi di cancro.
  • Due studi in Svezia hanno trovato un aumento del rischio di cancro al cervello per le persone che hanno iniziato a utilizzare i telefoni cellulari prima dei 20 anni.

Il National Cancer Institute sottolinea che la ricerca può essere incoerente a causa di vari fattori tra cui una segnalazione inesatta, le variazioni di tipi di cellulari e il fatto che i tumori del cervello sono difficili da studiare perché i tassi di mortalità sono alti. Ed è a causa di questi studi contrastanti, l’OMS classifica la RF come “possibilmente cancerogena per l’uomo”.

Una possibile soluzione

I ricercatori della Drexel University e l’Istituto coreano di Scienza e Tecnologia sono giunti ad un compromesso. Il team ha prodotto un nanomateriale composto da uno strato sottile di MXene, che proteggere un dispositivo dall'”inquinamento elettromagnetico“. Questo è l’interferenza elettrica che si dirama dai telefoni, televisori e altri dispositivi. Il materiale protegge gadget bloccando efficacemente le emissioni delle onde elettromagnetiche.

Nel frattempo, se siete preoccupati per le radiazioni, i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie consigliano di utilizzare un vivavoce o un’auricolare con cavo, per quanto possibile.