instragram
La pornografia su Instagram si fa con la frutta

Non c’è carenza di storie composte di immagini e video, di pubblicazioni di vario tipo, che sia su Facebook o su Instagram o qualsiasi altro social network. Ma non mancano anche le storie che vengono bloccate poichè vanno contro l’uso delle linee guida imposte dai social. Per la maggiore, vanno soprattutto quelle che mostrano un po’ più di centimetri di pelle rispetto a quanto sarebbe desiderabile, magari per qualche “Like” in più. Ma questo non significa che sia impossibile trovare contenuti pornografici su Instagram, ad esempio. Basta semplicemente utilizzare i mezzi giusti.

Se ne occupa il sito Daily Dot, che vede nella frutta emoji un modo particolarmente efficace per trovare tali contenuti. Le emoji rappresentative di melanzane, pesche e ciliegie, ad esempio, sarebbero particolarmente efficaci per le ricerche rapide di questo tipo di contenuti. Anche le combinazioni di questo genere di emoji con gli hashtag offrono forme di ricerca efficace.

Nonostante gli sforzi dei moderatori Instagram, però, il controllo verso chi edita questo tipo di contenuti spesso sfugge, e ciò accade più di frequente attraverso le pagine di contenuti specifici che possono essere reperiti anche dagli hashtag di diverse lingue. Questo metodo di condivisione e diffusione di contenuti rende la moderazione delle fotografie particolarmente impegnative. Il che dovrebbe portare Facebook a fare uso di algoritmi sempre più in grado di riconoscere le immagini sui social network e distinguerle da quelle puramente gioviali e di stile, da quelle con un contenuto nascosto e, per questo, non condivisibile.

Leggi anche:  Instagram, i migliori hashtags e i video più popolari di questo 2017