robot
I robot (non) sostituiranno l’uomo

I progressi tecnologici stanno rivoluzionando e anticipando gli exploit dell’intelligenza artificiale. Ma dilaga con esso un crescente timore che i robot e altre macchine possano sostituire un numero crescente di lavoratori, compresi quelli addetti ad un lavoro qualificato. Gli esempi non mancano: le automobili autonome potrebbero eliminare i tassisti e i camionisti; gli algoritmi giocano un ruolo crescente nel giornalismo, i robot espongono relazioni ai clienti nei centri commerciali o sono addetti alla chirurgia robotica, mentre l’intelligenza artificiale utilizza la medicina per rilevare e riparare i tumori cancerosi o anomalie cardiache.

Uno studio condotto nel 2013 presso l’Università di Oxford applicato a 700 professioni negli Stati Uniti ha rilevato che il 47% di queste erano ad alto rischio di diventare mestieri automatizzati. I dati sono stati confermati da uno studio del McKinsey Institute, in cui si afferma che “circa la metà” delle attività del mondo del lavoro “potrebbero potenzialmente essere automatizzate se vengono adattate le tecnologie esistenti“. McKinsey ha rilevato, però, che solo il 5% dei posti di lavoro potrebbe “essere completamente automatizzato“.

Leggi anche: Se il robot diventa anche muratore [VIDEO]

L’uomo “superfluo”

Vivek Wadhwa Ma, imprenditore e membro della Carnegie Mellon University nella Silicon Valley, ritiene che questi studi non percepiscono la reale portata dei rischi per i lavoratori. “Questi studi sottovalutano l’impatto della tecnologia: dall’80 al 90% dei posti di lavoro saranno eliminati nei prossimi 10 o 15 anni“, afferma Wadhwa. “L’intelligenza artificiale sta procedendo molto più velocemente del previsto“. Microsoft e Google hanno dimostrato che l’intelligenza artificiale potrebbe capire meglio degli esseri umani, possedendo un linguaggio umano.

Yuval Harari, storico presso l’Università Ebraica di Gerusalemme, avverte che la tecnologia renderà gli uomini “superflui”, con conseguenze sociali preoccupanti. “Mentre la pressione degli algoritmi per portare sul mercato del lavoro umano ricchezza e potere potrebbero essere concentrati nelle mani di una piccola élite di proprietari di algoritmi molto potenti, questo creerà una disuguaglianza senza precedenti e una politica sociale“.

Leggi anche:  I robot ruberanno il lavoro agli umani, secondo il Mit in modo inferiore nelle metropoli

Uno studio accademico di Oxford ritiene che i posti di lavoro per settore sono dovuti all’automazione: i più colpiti saranno i cassieri (97%), gli assistenti legali (94%), la panetteria (89%) e i baristi ( 77%).

Al contrario, James Bessen, economista e ricercatore presso la Boston University, pensa che il problema sia esagerato e che i progressi nella tecnologia di solito portano più lavoro, ma la natura dei cambiamenti è e sarà innegabile.

Leggi anche: Mr Robot, ecco come farsi “hackerare” dalla Fs0c13ty

“Disordini sociali”

“I robot possono sostituire gli esseri umani in alcuni compiti, ma non in tutto”, sostiene Bessen. Tuttavia, riconosce che l’automazione “sta distruggendo molti posti di lavoro poco qualificati e mal pagati”. Anche se è ancora difficile identificare l’impatto reale dei robot, molti già discutono su come alcuni cambiamenti inevitabili vengono somministrati nel mercato del lavoro. Bill Gates, fondatore di Microsoft, ha detto il mese scorso che ha sostenuto una “tassa robot“, un’idea che in Europa ha preso piede da diverso tempo.

Altri vorrebbero un “reddito di base universale” per compensare la perdita di posti di lavoro. Tuttavia, per Vivek Wadhwa i problemi sono più profondi e c’è bisogno di trovare soluzioni più creative. “Un reddito di base non risolverà i problemi sociali della disoccupazione, perché l’identità delle persone ruota intorno al loro lavoro”.

Leggi anche: Robot: potrebbero sostituire gli esseri umani in pochi secoli