LTE
Quali frequenze sfruttano i nostri operatori telefonici?

Al giorno d’oggi quasi tutti i dispositivi mobili sul mercato possiedono una connessione LTE – o 4G se preferite – che permette uno scambio di dati più rapido ed efficace per gli utenti. Al momento, nonostante i progetti per le nuove infrastrutture 5G siano vicini a partire anche nel nostro Paese, la connessione LTE continua ad essere la forma di connessione dati più veloce ed affidabile al momento (tralasciando le varianti più recenti come il 4G+, ndr) presente sul mercato mondiale per dispositivi come smartphone e tablet. Ma per avere una buona connessione, sono molte le cose a cui bisogna prestare attenzione. Scopriamo insieme tutti i dettagli!

Connessione LTE e bande in Italia:

Come per ogni connessione wireless, anche nel caso di LTE (acronimo di Long Term Evolution) lo scambio di dati avviene grazie ad alcune bande di frequenza, le quali permettono uno scambio dell’informazione diretto, preciso ed indipendente cosicché non sussistano problemi ed interferenze con altri tipi di segnali wireless che coesistono nell’ambiente. Ogni banda ha una propria frequenza che viene normalmente espressa in MHz. Le bande LTE presenti sul nostro territorio sono quella da 800 MHz, quella da 1800 MHz, quella da 2000 MHz (non utilizza) e quella da 2600 MHz.

  • La banda da 800 MHz (banda 20) viene impiegata dagli operatori Vodafone, TIM e Wind. Essendo quella a frequenza minore riesce a coprire distanze decisamente più grandi e a penetrare meglio gli ostacoli quali edifici, muri etc. D’altro canto però, la velocità di trasferimento che riesce a generare è decisamente inferiore rispetto a quella delle altre bande pertanto spesso trova il suo utilizzo nelle zone rurali dove è necessario coprire zone particolarmente vaste.
  • La banda da 1800 MHz viene invece impiegata nel nostro Paese da Vodafone, TIM e H3G. È, come facilmente intuibile, la via di mezzo in grado quindi di offrire un maggior grado di velocità al prezzo di una copertura necessariamente inferiore.
  • La banda da 2600 MHz è invece quella in grado di offrire il maggior grado di velocità ma ad un’area ancor più circoscritta. È impiegata da tutti gli operatori telefonici sul territorio e trova il suo maggior impiego nelle zone ad alta densità abitativa.

Leggi anche: Wi-Fi: un sistema 100 volte più veloce entro 5 anni

Frequenze LTE assegnate agli operatori:

  • La connessione LTE di Wind
    Wind ha ottenuto l’assegnazione delle bande da 800 MHz e da 2600 MHz e può raggiungere rispettivamente una velocità complessiva di 75 Mbit/s e di 150 Mbit/s. Tali bande sono impiegate anche da Green Inc. e PosteMobile.
  • La connessione LTE di TIM
    Nel nostro Paese TIM possiede tutte e tre le bande ed è in grado di offrire rispettivamente 75 Mbit/s, 150 Mbit/s e 112,5 Mbit/s. Tali bande di frequenza sono sfruttate anche da BT Mobile, Fastweb Mobile e Tiscali Mobile.
  • La connessione LTE di Vodafone
    Anche Vodafone possiede tutte le bande ed è in grado di offrire le medesime velocità complessive appena descritte per Tim. A queste bande si appoggiano gli operatori 1Mobile, Daily Telecom, ERG Mobile, Lycamobile e PosteMobile.
  • La connessione LTE di Free Mobile
    Infine Free Mobile utilizza le bande da 1800 MHz e da 2600 MHz.

Leggi anche: Tecnologia senza fili: il futuro dell’energia delle batterie è wireless

Smartphone con o senza la banda 20:

Nonostante praticamente tutti i device venduti nel nostro Paese siano esclusi da questa problematica, quando acquistate un telefono – in particolar modo se è uno smartphone cinese – dovete prestare molta attenzione alle specifiche di connettività per capire se questo è in grado di connettersi o meno alla banda di frequenza 800Mhz (detta banda 20). Nel caso in cui non risulti, sappiate che il vostro telefono non potrà in alcun modo utilizzare quella frequenza per la connessione in 4G. Pertanto, qualora vi trovaste in una zona coperta dalla suddetta banda, il device per forza di cose utilizzerà la rete 3G e non potrà in alcun modo switchare al tipo di connessione più veloce. Insomma, se utilizzate molto i dati mobile e poco la rete Wi-Fi o pretendete che il vostro device viaggi costantemente in LTE, informatevi bene prima di acquistare un device ci marche come Xiaomi, Oppo, Umi, ZUK, Meizu etc. Per qualsiasi altra domanda o chiarimento, vi aspettiamo qua sotto nei commenti!

Leggi anche: Xiaomi Mi 6, non è presente la banda 20 per il 4G-LTE