hacker
Hacker vs NSA

A metà agosto 2016 un gruppo di hacker, chiamato “The Shadow Brokers“, ha affermato di avere a disposizione migliaia di strumenti utilizzati dalla NSA per le proprie azioni di hacking. Il gruppo di hacker, all’epoca, aveva chiesto la cifra di circa un milione di dollari in una subasta promettendo di rivelare il resto dell’archivio dei file. Ma nessuno ha mostrato interesse nel fare un’offerta.

Mediante una pubblicazione su alcuni media, gli hacker hanno rivelato la password che sblocca la cartella crittografata che contiene i file che si era cercato di vendere all’asta. E, nel pubblicarla, il gruppo afferma che una simile azione è una protesta contro il governo di Donald Trump.

Dopo la rivelazione, i ricercatori coinvolti nei temi della sicurezza hanno iniziato le proprie ricerche nei file. Molti risultati ottenuti sono principalmente orientati al sistema operativo Linux, molti dei quali sono stati usati negli anni ’90.

Edward Snowden, che nel 2013 ha reso pubblici i documenti classificati dalle agenzie di intelligence degli Stati Uniti, ci ha lavorato e conosceva in prima persona gli strumenti utilizzati per spiare i cittadini. Egli stesso ha riferito che la perdita di questi strumenti potrebbe essere pericoloso e che la CIA è possibile identificare presto dove e come questi sono stati fatti trapelare.

Leggi anche:  Attacco hacker NSA: ex collaboratore si dichiara colpevole

Molti si chiedono se questi file e strumenti potranno in qualche modo rivoluzionare il mondo dell’hacking. Certo è che, al momento, pare che la guerra si combatta all’ombra del web.