Xiaomi Mi 6 Plus certificazione
A solo un giorno di distanza dal lancio ufficiale di Xiaomi Mi 6, ecco l’avvistamento di Xiaomi Mi 6 Plus, il nuovo phablet top di gamma dalla caratteristiche esagerate!

Xiaomi ha presentato il suo nuovo flagship, Xiaomi Mi 6, solo ieri ma i rumors sono già ricominciati. Se Mi 6 ci ha stupito con la sua CPU Qualcomm Snapdragon 835 e i suoi 6 GB di RAM ma ci ha lasciato un po’ l’amaro in bocca per quanto riguarda le dimensioni del display con una diagonale da 5,15″ non troppo generosa, ecco che a correre in soccorso degli utenti che preferiscono display più ampi arriva Xiaomi Mi 6 Plus.

Ovviamente sospettavamo che sarebbe arrivata, prima o poi, una versione Plus ma certamente non potevamo immaginarci che già oggi ne avremmo avuto così tante informazioni. Xiaomi Mi 6, difatti è stato avvistato oggi nei documenti che ne attestano la certificazione da parte dell’autorità China 3C.

Il documento, che riporta per Mi 6 Plus il numero di modello MDE40, ne dichiara ufficialmente l’esistenza anche se, per il momento, non ci dà ulteriori informazioni certe. I rumors, però, che hanno accompagnato il leak del documento, riportano alcune delle caratteristiche salienti del prossimo phablet, ossia un display FullHD 1080 x 1920 con una diagonale da 5,7″, un processore con socket Qualcomm Snapdragon 835 octa-core da 2457 MHz con GPU Adreno 540, lo stesso montato sul suo ‘fratello minore’, e 6 GB di RAM.

Leggi anche:  Xiaomi Mi 7 come iPhone X, avrà il riconoscimento del volto in 3D?

Per quanto riguarda la batteria, si parla di una capacità di ben 4500 mAh, al contrario della più contenuta batteria di Mi 6 dalla capacità di “soli” 3350 mAh. Per quanto riguarda i tagli di memoria interna i dubbi sono pochi, come per Mi 6, Xiaomi Mi 6 Plus dovrebbe arrivare in tagli da 64 / 128 GB di ROM. L’unica cosa che fa storcere un po’ il naso è la risoluzione dello schermo, dopo aver visto negli ultimi mesi i fantastici display di Samsung Galaxy S8 e di LG G6, saremo onesti, ci aspettavamo qualcosa di più da Xiaomi per i suoi nuovi top di gamma, però, considerando i prezzi sempre molto contenuti dei device venduto dal colosso cinese, è un compromesso che pare accettabile, a fronte della caratteristiche tecniche strepitose e, soprattutto, della batteria che, in quanto a capienza e durata, ha ben pochi rivali sul mercato.