Batteria smartphone
Cosa fare per non deteriorare la batteria

La “vita” della batteria è un problema perenne per i possessori di smartphone. Se i dispositivi odierni sono diventati sempre più veloci e potenti nel corso degli anni, le loro batterie spesso durano meno di un giorno in condizioni di utilizzo “pesante” o anche facendone un uso moderato, dopo pochi mesi.

La batteria agli ioni di litio è stata una possibilità di alternativa per più di due decenni e non ha cambiato radicalmente lo stato delle cose sin quando Sony ha iniziato a produrle nel 1991. E, nonostante i molti sforzi per la sostituzione, queste batterie saranno a nostra disposizione per molti anni. Ecco, quindi, quello che c’è da sapere sulla batteria del vostro smartphone.

Devo caricare il telefono quando lo acquisto?

No. I primi tipi di batterie, come quelle al nichel-cadmio, avevano “effetto sulla memoria”. Il che significava che le batterie avrebbero mantenuto una certa capacità in base a come erano state caricate e scaricate. Questo significava che i prodotti di elettronica in genere dovevano essere collegati per ore prima di utilizzarli, fino a completa ricarica. Tuttavia, con le moderne batterie agli ioni di litio, la maggior parte delle persone concordano sul fatto che non v’è alcun effetto del genere e le batterie sono più affidabili. Per lo stesso motivo, non è necessario caricare lo smartphone al 100%.

La durata della batteria peggiora nel tempo?

Sì, non è un mito. La batteria si deteriora nel tempo. Le moderne batterie agli ioni di litio sono progettate per sopportare un certo numero di “cicli” – uno scarico completo della batteria. Un ciclo è equivalente a una batteria completamente carica. Come sostiene Apple: “Si potrebbe utilizzare il 75 per cento della capacità giornaliera della batteria e ricaricarla completamente durante la notte. Se si utilizza il 25 per cento il giorno dopo, avrete scaricato un totale del 100 per cento nelle due giornate. Si sommano a un ciclo di carica.”

La durata della batteria in cicli differisce tra dispositivi diversi, ma tipicamente varia tra i 300 e i 500 cicli completi prima che raggiunga il 70 per cento della loro capacità originale – equivalente a un paio di anni di utilizzo.

Lasciare lo smartphone in carica lo danneggia?

Di solito no. Ci sono stati suggerimenti riguardo al fatto che tenere il telefono in ricarica durante la notte o costantemente sia in grado di forzare la batteria e portarla a deteriorarsi, a causa di una ricezione eccessiva di energia rispetto a quella di cui ha bisogno. I moderni sistemi, tuttavia, riducono il problema in modo che solo la potenza necessaria viene incamerata.

Leggi anche:  Android: ecco 5 consigli utilissimi per ridurre i consumi della batteria

L’eccezione è in condizioni di eccessivo calore. Questo causa nelle batterie al litio un leggero decadimento. Poiché ricaricare un device porta a scaldarlo leggermente, la combinazione con temperature calde (oltre i 30 gradi centigradi) può danneggiarlo. E’ bene cercare di mantenere il telefono relativamente fresco quando si ricarica, mettendolo al riparo dal sole per esempio.

Dovrei aspettare fino a quando la batteria del telefono è andata ben al di sotto del livello minimo prima di ricaricarla o posso ricaricare più spesso?

No – in realtà, si dovrebbe fare il contrario. Le moderne batterie agli ioni di litio non hanno alcuna utilità se scariche e lunghi cicli di carica sono in realtà peggiori di quelle brevi. Scaricare e caricare parzialmente tende a prolungare la durata della batteria.

Spegnere il Wi-Fi e il Bluetooth migliora la durata della batteria? Che dire della modalità aereo?

Il Wi-Fi e il Bluetooth non sono così “assetati” di energia come una volta. Mantenerli attivi non consuma una quantità eccessiva di batteria, ma se si vuole veramente per massimizzare l’efficienza di tutto, certamente un po’ aiuta. Avere, ad esempio, il GPS sempre attivo effettivamente consuma molto. È possibile attivare la modalità aereo, se non avete bisogno di un segnale mobile. E, se è possibile, connettersi al Wi-Fi: usare il 4G o il 3G consuma la batteria molto più velocemente di quanto non faccia il Wi-Fi.

In quale altro modo posso risparmiare la batteria?

Ci sono diverse cose che si possono fare per ridurre l’energia e il consumo di un dispositivo quando è in uso ed ognuna farà in modo di mantenere la batteria al massimo della sua capacità per più lungo tempo e, quindi, anche il deterioramento sarà più lento. Ecco una breve lista di cosa da fare:

  • Abbassare la luminosità dello schermo;
  • Posizione e aggiornamento app in background disabilitate;
  • Non chiudere le applicazioni in multitasking (sono al minimo del consumo e la loro riapertura, in seguito, effettivamente consuma più batteria;
  • Disabilitare le notifiche push per la posta elettronica, Twitter e Facebook.