whatsapp

Se WhatsApp è l’applicazione di messaggistica con una maggiore portata globale, è anche vero che essenziale diventa la sicurezza degli utenti. Inizialmente, forse, non era neppure il servizio più sicuro, ma con ogni aggiornamento apportato da questa applicazione, si è cercato di migliorare questo importante aspetto.

Tuttavia, ancora qualche problema persiste. Per fare in modo che il nostro account risulti sempre a prova di occhio indiscreto, è possibile seguire i seguenti passi.

1. Conversazione protetta

Per dimostrare che una conversazione WhatsApp sia sicura, è possibile attivare l’opzione “crittografia”. Una volta che questa viene attivata, infatti, su quella finestra di chat è visualizzata una pagina con un codice di sicurezza. Questo codice viene confrontato con il contatto e, se non combacia, significa che la conversazione non è sicura.

2. App aggiornata

Tenere sempre WhatsApp aggiornato è una misura di sicurezza importante, dal momento che gli sviluppatori sono sempre in opera per implementare quelle misure di sicurezza per rendere impenetrabile l’applicazione. Una di queste il “crip end-to-end”, che si attiva se un utente ha disinstallato l’applicazione e, quindi, procede ad installarla di nuovo. In questo caso, modificare la chiave della crittografia e della cifratura del messaggio è determinante altrimenti la sicurezza dell’utente è compromessa.

3. Verifica

Recentemente, WhatsApp comprende anche la verifica in due passaggi. Questa si verifica quando l’applicazione di messaggistica richiede una password di 6 cifre ogni volta che si accede. Inoltre, questa viene richiesta quando l’applicazione è installata su un altro computer.

4. Sincronizzazione

Dal momento che i file possono essere condivisi anche su WhatsApp, non sono sempre al sicuro. Si consiglia, dunque, di disabilitare la sincronizzazione tra l’ applicazione e il cloud. Per fare questo, si accede alle “Impostazioni”, quindi si immette “Chat” e si fa clic su “Backup” e “Mai” afinché l’opzione venga selezionata.