futurecraft_4d2
Le nuove scarpe Adidas in stampa 3D

Le nuove scarpe da ginnastica Adidas sono stampate in 3D e incorporano una suola che è stata creata utilizzando un processo noto come Liquid Interface Production. Questo impiega un polimero in resina liquida e la sua forma è fissata dalla luce ultravioletta.

Carbon, la start-up della Silicon Valley da cui è stato avviato questo processo di fabbricazione, assicura che questo metodo di stampa è più veloce e più adattabile rispetto al tradizionale e in grado di rendere la commercializzazione del prodotto più facile. A loro volta, gli esperti sostengono che i materiali finali sono più robusti e flessibili rispetto a quelli stampati ad iniezione plastica tradizionale.

Ma Adidas non ha scommesso al 100% su questo tipo di prodotti stampati in 3D. Attualmente, infatti, solo 5 mila paia di scarpe Futurecraft 4D saranno in vendita entro la fine dell’anno, anche se la società dice di voler mirare a vendere 100 mila paia in totale a fine 2018.

Uno dei vantaggi nell’utilizzare la stampa 3D nella produzione di scarpe sportive è che queste permettono la creazione di piccoli lotti di scarpe. Questo si traduce in modelli più esclusivi adattati alle esigenze dei consumatori, alla forma dei vostri piedi o la vostra andatura.

Leggi anche:  Facebook annuncia una nuova categoria: arrivano i post in 3D

I suoi rivali – Nike, Under Armour e New Balance – nel frattempo, in questi ultimi mesi stanno sperimentandosi anch’essi con la stampa 3D, ma finora hanno usato questa tecnica solo per produrre prototipi, modelli sponsorizzati dagli e altri tipi di scarpe a prezzi – c’è da dirlo – esorbitanti e che non saranno disponibili per il pubblico.