Netflix

Un doloroso addio nella dirigenza di casa Netflix. Neil Hunt abbandona, senza preavviso e senza alcun apparente motivo, i vertici di quella che oramai può essere considerata a tutti gli effetti una delle società multinazionali più influenti al mondo. Le dimissioni di Hunt segnano un passaggio fondamentale in grado di sconvolgere in un modo o nell’altro i piani presenti e futuri del servizio.

Chi era Neil Hunt? Anche se questo nome ai più non detta subito grandi assonanze, Hunt si è fatto conoscere dagli addetti ai lavori come il vero artefice del fenomeno Netflix, colui che dal dietro le quinte ha stabilito e contrassegnato ogni passaggio importante. L’oramai ex dirigente è stato da sempre visto come l’architetto che ha reso la piattaforma così come oggi la conosciamo.

Tra le sue più grandi creazioni ed invenzioni troviamo ad esempio la tecnologia in grado di introdurre l’HD e l’algoritmo in grado di indicare suggerimenti personalizzato. Persino la stressa sfida sullo streaming ha visto Hunt come uomo chiave. Senza di lui, probabilmente sarebbe stato impossibile portare il fenomeno Netflix in oltre 190 nazioni.

Leggi anche:  Mediaset lancia la TV del futuro facile e interattiva: ecco Enabler 2.0

Il suo posto sarà occupato dal prossimo luglio da Greg Peters, altro grande uomo chiave ed attuale responsabile per il rapporto con i providers telefonici. Restano, come detto, tutt’ora incerte le motivazioni che hanno portato all’allontanamento di Hunt così come resta incerto l’impatto che il suo addio potrà avere sul futuro della piattaforma.