fotocamera samsung

La presentazione del nuovo Galaxy S8 ha aperto idealmente per Samsung un nuovo ciclo produttivo. La società sudcoreana con il flagship ha dato vita ad un prodotto estremamente competitivo, cercando di alzare in alto l’asticella della tecnologia. Il prossimo smartphone (in arrivo nei negozi il prossimo 20 Aprile) è la sintesi delle ricerche e delle migliori innovazioni portate in auge dalla casa asiatica.

Samsung ha tracciato quindi una strada ben chiara, dove saranno privilegiati i dispositivi con grande appeal sul mercato. Ciò significa, anche, essere pronti a delle rinunce. Per investire sempre più su smartphone e dispositivi mobili, Samsung ben presto dirà addio allo sviluppo delle fotocamere digitali amatoriali.

Le camere compatte hanno rappresentato a lungo un buon settore per la multinazionala, specialmente negli anni precedenti l’avvento degli smartphone ultima generazione. Lo sviluppo delle camere sui cellulari ha però drasticamente calato le vendite delle camere compatte.

Il mercato ne ha risentito molto. Gli introiti di questo settore sono fisiologicamente diminuiti nel tempo per Samsung e per tutte le società rivali. Attualmente, quasi nessuno compra più macchine del genere, a meno che non si tratti di prodotti professionali in stile Reflex.

Samsung comunque non concluderà gli studi di settore, anche se la produzione di fotocamere compatte è destinata a diminuire in maniera esponenziale. L’azienda sudcoreana punta ancora molto sulla fotografia e negli anni a venire andrà a rimpolpare le nuove tecnologie sia attraverso le camere per gli smartphone sia attraverso lo sviluppo di prodotti rivoluzionari in stile Gear 360.