galaxy note 7

Sembra una telenovelas destinata a non finire mai. Anche nel nuovo corso aziendale – inaugurato il 29 Marzo con la presentazione di Galaxy S8Samsung dovrà convivere con lo spettro del suo più grande flop, Galaxy Note 7. Il dispositivo, finito nelle pagine di cronaca internazionali a causa delle clamorose esplosioni, è in fase avanzata di ritiro. Ad oggi, rimangono ancora poche unità in circolazione e queste sono destinate a diventare inagibili attraverso aggiornamenti ad hoc messi a punto dall’azienda sudcoreana.

Alcuni rumors provenienti da fonti vicine a Samsung ci dicono però che il destino di Note 7 non è indispensabilmente la “morte tecnica”. Il device, infatti, potrebbe ritornare in una veste inedita e rigenerata. Il brand sta pensando ad un clamoroso rilancio della serie, non prima di aver riportato in fabbrica tutte le unità difettose e non prima di aver eseguito i necessari controlli di sicurezza in grado di evitare gli spiacevoli episodi del passato.

A questo proposito, in rete già circolano foto riguardanti modelli di Note 7 ricondizionati. Samsung, comunque, non dovrebbe attuare il rilancio in scala mondiale. I paesi che potranno ben presto riavere lo smartphone a disposizione fanno parte prevalentemente dell’area estremo asiatica. In particolar modo in nazioni dal mercato in forte ascesa come India e Vietnam, Samsung Galaxy Note 7 potrebbe beneficiare di una seconda vita e di una clamorosa seconda opportunità.

Leggi anche:  Android Oreo: ufficiale per Galaxy S8 la possibilità di testare il nuovo aggiornamento