Il Surface Pro 5 potrebbe essere un semplice aggiornamento in termini di CPU dell’attuale Pro 4. È quanto emerge da un tweet di Paul Thurrot, celebre giornalista americano hi-tech, da sempre estremamente vicino agli ambienti Microsoft, e dunque fonte che si è rivelata estremamente affidabile negli anni.

Appare scontato come il Surface Pro 5 sarà equipaggiato con processori Kaby Lake, ovvero le ultime CPU Intel per le quali, visto il periodo di presentazione, non si è fatto in tempo ad inserirle nel Surface Pro 4. Dunque, non ci sono dubbi sul fatto che ci sarà un aggiornamento in termini di SoC.

Thurrot però sostiene che sarà questa la sola novità tra le due generazioni, mentre le restanti saranno marginali, e probabilmente legate a miglioramenti estetici o comunque secondari a livello hardware. Del resto, il Surface Pro 4 rappresenta già oggi un macchina di assoluto livello, e Microsoft ne è consapevole fino in fondo.

Leggi anche:  Microsoft: depositato il brevetto per uno smartphone pieghevole futuristico

Ovviamente, si tratta comunque di indiscrezioni. Le certezze si potranno avere solo in fase di presentazione del Surface Pro 5 che, con ogni probabilità, avverrà dopo l’estate 2017, magari in autunno, al fine di poter arrivare sul mercato in tempo per le fondamentali festività natalizie. Staremo a vedere, nel frattempo continueremo a seguire da vicino la situazione.