come guadagnare con YouTube
Guadagnare con YouTube sarà più difficile per i creatori meno onesti

Se avete sempre sognato di diventare una web star e guadagnare con YouTube, allora sappiate che a partire da oggi il vostro sogno potrebbe materializzarsi con maggior difficoltà. Google, infatti, ha annunciato poche ore fa alcuni cambiamenti che interesseranno nella fattispecie tutti quegli utenti che hanno aderito (o vorrebbero aderire) allo YouTube Partner Program conosciuto anche con l’acronimo YPP (in italiano, Programma partner di YouTube). Le nuove “rules” diramate dal colosso del video sharing, al fine di proteggere i canali vittime di furto dei propri contenuti video originali e inediti, consentiranno di monetizzare il proprio canale a patto che vengano raggiunte le 10 mila visualizzazioni complessive.

I creatori onesti potranno continuare a guadagnare con YouTube e subiranno meno abusi

In una nota pubblicata da Ariel Bardin, VP of Product Management di YouTube, si legge: “Per milioni di creatori, la produzione di video per YouTube non è solo uno sbocco creativo, ma è anche una fonte di reddito da quando abbiamo istituito lo YouTube Partner Program (YPP) nel 2007”. Dopo aver parlato di come la piattaforma sia cresciuta negli ultimi anni, Ariel Bardin ha detto che purtroppo sono aumentati notevolmente i casi di abusi da parte di alcuni utenti che, molto furbescamente, cercano di guadagnare attraverso i contenuti originali pubblicati da altri utenti. Quali misure verranno adottate per evitare tutto ciò? Sempre in questa nota ufficiale leggiamo: “A partire da oggi, non pubblicheremo più annunci pubblicitari sui canali che non raggiungeranno le 10 mila visualizzazioni complessive. Questa nuova soglia ci dà informazioni sufficienti per determinare la validità di un canale. Consente, inoltre, di confermare se un canale sta seguendo le linee guida della comunity e le norme stabilite dagli inserzionisti”.

Come avrete notato sarà possibile guadagnare con YouTube soltanto se il proprio canale raggiunge le 10 mila visualizzazioni complessive. In questo modo il team di YouTube può monitorare i vari canali, salvaguardando tutti coloro che pubblicano onestamente contenuti originali. Tutti coloro che verranno pescati con le mani nel sacco, ovvero che tenteranno di monetizzare con i video e il lavoro altrui, non rimarranno impuniti visto che il loro canale verrà chiuso. I nuovi creatori che aderiranno allo YPP verranno sottoposti a controlli preventivi e potranno aderire al Programma soltanto soddisfacendo determinati requisiti. YouTube, inoltre, si avvarrà di specifiche procedure per verificare il rispetto delle linee guida dei canali già esistenti.