robot
Il robot muratore è in arrivo

Molti addetti ai lavori, già da diverso tempo, hanno iniziato a prevedere che la quarta rivoluzione industriale sarebbe giunta dalla mano della tecnologia e, più in particolare, con l’avvento dei robot e dell’intelligenza artificiale. Questa realtà si riflette sempre più nell’odierna società, dove le macchine stanno gradualmente cominciando a sostituire in gran parte il lavoro umano.

Un esempio di questa tendenza è il Semiautomatico Mason 100 (SAM), robot  perfettamente qualificato per eseguire tutti i compiti di un operaio edile e con la capacità di mettere i mattoni sei volte più velocemente di una persona. Ovviamente, una notizia che non è passata inosservata dai diretti interessati, ovvero i lavoratori edili, i quali ora hanno una certa paura perché questo robot riesce a mettere una media di 3 mila mattoni, mentre gli umani “solo” 500 pezzi al giorno.

SAM è dotato di una piattaforma mobile che si adatta alle caratteristiche del terreno e stabilizza il robot, una base nel cemento, un braccio robotico e un serbatoio per mattoni che gli vengono forniti da un operatore. Sebbene l’uso dei robot nelle imprese di costruzioni abbia provocato diversi tagli ai posti di lavoro, è anche vero che questi debbano essere sorvegliati e assistiti nel porre mattoni, soprattutto nei lavori più complicati.

Leggi anche:  Xiaomi Mitu Rover: in offerta su Cafago il super robot a 87, 38 euro

Probabilmente, è proprio questo aspetto che fa di SAM un robot che non è destinato a sostituire l’operato dei lavoratori edili, ma gli permette di lavorare in collaborazione con loro. Così, anzi, viene assicurato da Construction Robotics, la società di produzione del “muratore robotico” che è stato progettato, a detta loro, per essere un “compagno” ed un aiuto per i muratori.