Galaxy S8
S8 ha il miglior schermo al mondo

Galaxy S8 e S8+, i nuovi top di gamma borderless di Samsung, vantano il miglior display al mondo. A dirlo non è un fanboy Samsung, ma una delle più autorevoli società che si occupano dei benchmark riguardanti i display: DisplayMate.

Samsung è ormai famosa per l’elevata qualità costruttiva dei pannelli che monta sui propri smartphone e tablet (oltre che sulle proprie TV). Il nuovo Infinity Display presente su S8 e S8+, però, ha raggiunto degli standard qualitativi mai visti prima su uno smartphone. Non a caso DisplayMate, come dicevamo poc’anzi, ha definito lo schermo dei nuovi S8 “il miglior schermo sul mercato a bordo di uno smartphone” tanto da meritare il voto più alto: “A+”.

Le caratteristiche del nuovo Inifiniti Display di Galaxy S8

Uno dei principali punti di forza dello schermo presente su S8 e S8+ riguarda il suo elevato grado di visibilità in qualsiasi condizione ambientale. In base ai test effettuati da DisplayMate il pannello progettato da Samsung può raggiungere i 1.000 nits che, grazie alla presenza di ben due sensori ambientali, garantiscono una buona visibilità dello schermo anche negli ambienti più luminosi. Pertanto non dovreste riscontrare particolari problemi nel vedere lo schermo quando vi ritroverete all’aria aperta in giornate particolarmente soleggiate e luminose.

Leggi anche:  Samsung Galaxy S9, rivoluzione rimandata: Infinity Display, 6 GB di RAM e poco altro

Grazie al supporto HDR Premium, e grazie al fatto che lo schermo dei nuovi S8 copre il 113% del Color Gamut DCI-P3 e il 142% del Gamut sRGB/Rec.709, inoltre, i colori riprodotti sul display degli attuali flagship sudcoreani sono molto più fedeli alla realtà rispetto agli altri schermi Super AMOLED presenti sul mercato.

Il giudizio che DisplayMate ha dato sullo schermo di Galaxy S8 e S8+, non è altro che l’ennesima conferma del fatto che Samsung quest’anno ha davvero fatto un ottimo lavoro. I dati di vendita ci diranno se anche gli utenti avranno apprezzato gli sforzi fatti dal colosso di Seoul per gettare nell’oblio la brutta vicenda del Note 7.