batteria smarpthone
Non tutti gli smartphone sono compatibili con la ricarica veloce

La durata della batteria di uno smartphone è sempre qualcosa che si considera al momento del suo acquisto. Anche se questa specifica indispensabile per qualsiasi dispositivo mobile è migliorato nel corso del tempo, le nuove applicazioni consumano sempre più energia, diminuendo di conseguenza la durata della batteria stessa.

Diversi fattori influenzano la durata di questa componente importante, incluso il tipo di caricatore utilizzato, le dimensioni dello schermo, le potenziali applicazioni grafiche. Ma, queste, tra molte altre caratteristiche.

Pertanto, i produttori di smartphone hanno optato per il caricamento veloce come una possibile soluzione. Questa è una funzione in grado di recuperare fino al 30% di carica in poco più di cinque minuti. La funzione si basa su un algoritmo che riconosce e imposta il tempo quando la potenza del caricatore dovrebbe essere aumentata per accelerare la carica.

Caricatori e smartphone di uso tradizionale hanno una tensione di 5V ed un’intensità compresa tra 1 e 2 ampere per caricare le batterie. Invece, i sistemi di ricarica veloce usano una tensione dinamica crescente nelle tensioni con valori compresi tra 5 e 12 volt e comprese tra 1 e 3 ampere.

Molti dei marchi più riconosciuti di dispositivi elettronici includono questa possibilità nei propri computer. La ricarica veloce non danneggia la batteria e non ne riduce la “vita”, dato che il caricabatterie rileva quale tipo di apparecchiatura non è compatibile con questa funzione e utilizza solo la tensione convenzionale per non rovinarla.

Le aziende che hanno implementato questo sistema sui propri dispositivi sono Huawei, Samsung (da Galaxy S7 e S7 Edge), LG (con il G5), Sony Xperia (XZ), HTC (il 10), Xiaomi (Mi 5 e Redmi Note 3), Motorola (Moto G4 e Moto Z), Google (Pixel, Pixel XL, Nexus 5X e Nexus 6P), tra gli altri.