galaxy note 7
Il Note 7 torna alla ribalta, ma ricondizionato

E’ ormai un gioco tra prime donne quello che vede sfidanti due dispositivi di casa Samsung: Galaxy Note 7 che proprio non sembra voler arrendersi e Galaxy S8, il cui lancio è attesissimo per questo pomeriggio. Il controverso dispositivo Samsung, Galaxy Note 7 torna a far parlare di sé perchè, a quanto pare, sarà reinserito sul mercato, ma in versione “ristrutturata”, vale a dire ricondizionata.

Diversi mesi fa, l’azienda sudcoreana aveva annunciato che avrebbe smesso di commercializzare le unità di Note 7 a causa dei ben noti difetti che erano stati rilevati nelle batterie dello stesso, e che avevano causato incendi pericolosi in diverse circostanze.

Ora, il phablet sarà rilanciato dopo che le parti problematiche e ritenute a rischio sono state sostituite. L’intenzione è quella di “riciclare” e non sprecare milioni di dispositivi che erano stati resi inutili. Si tratta di un piano di protezione verso un device che consta di tre parti, come indicato nel comunicato ufficiale.

In primo luogo, si recupereranno le fotocamere che, successivamente, saranno incluse in altri terminali. Poi, con l’aiuto di altre società, i componenti metallici presenti verranno estratti dall’interno delle apparecchiature. Infine, si cercherà di vendere i componenti rigenerati, sempre considerando la domanda locale, l’approvazione delle autorità di regolamentazione e gli accordi con i vettori.

Come parte del suo piano, Samsung prevede di unire le forze con l’UE nella ricerca e sviluppo di nuovi metodi per la lavorazione di dispositivi “rispettosi dell’ambiente”.

Così, se il 29 marzo è in programma il lancio ufficiale del nuovo Samsung Galaxy S8, quello di un nuovo Note 8 è ancora avvolta dal mistero. Ma, a questo punto ci chiediamo non sia un pout-pourri di vecchi Note 7 ricondizionati.