cervello
Perchè alcuni cervelli invecchiano prima

Una variante comune di un gene è stato trovato in circa un terzo della popolazione, il che può spiegare il motivo per cui i cervelli di alcune persone, ad una certa età, “funzioneranno” più velocemente di altri. A sostenerlo, alcuni ricercatori degli Stati Uniti. Questo gene, noto come TMEM106B, segue una sua velocità fino a 12 anni nel normale invecchiamento del cervello nelle persone anziane.

Il gene, di solito, inizia ad influenzare le persone intorno ai 65 anni, in particolare nella corteccia frontale, responsabile di importanti processi mentali quali la concentrazione, la pianificazione, il giudizio e la creatività. “Se si guarda a un gruppo di persone anziane, alcuni sembrano più vecchi rispetto ai loro coetanei più giovani“, ha dichiarato Asa Abeliovich, co-autore dello studio e specialista presso la Columbia University.

Le persone con due copie difettose del gene hanno una corteccia frontale che, per vari indicatori biologici, sembra essere più vecchio di 12 rispetto a quelle con due copie normali“, dice l’esperto.

I ricercatori hanno scoperto il gene nell’analisi dei dati genetici rilevati da campioni autoptici del cervello umano, ricavati da 1.904 persone senza alcuna malattia apparente. Fino a 65 anni, “sono tutti nella stessa barca, e poi c’è uno stress ancora non identificato che si innesca“, ha detto Abeliovich. “Se si dispone di due buone copie del gene, si risponde bene allo stress. Se si dispone di due copie difettose, il cervello invecchia in fretta.”

In precedenza, sono stati trovati altri geni individuali che aumentano il rischio di malattie neurodegenerative, come la apolipoproteina E (APOE) nel morbo di Alzheimer.
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista “Cell Systems”.