sicurezza smartphone
Le onde sonore penetrano nel nostro smartphone

Un gruppo di ricercatori delle Università del Michigan e della South Carolina è stato in grado di accedere al controllo di uno smartphone semplicemente utilizzando le onde sonore. Il metodo sfrutta gli accelerometri integrati nella maggior parte degli smartphone odierni. E, ovviamente, questo studio, desta non poche preoccupazioni.

Gli accelerometri sono i sensori che permettono al dispositivo di sapere se si è in movimento e quanto velocemente ci si sta muovendo. E sono molto utilizzato dalle applicazioni dedicate al fitness e agli esercizi per l’attività fisica. I ricercatori hanno riprodotto file musicali dannosi e sono riusciti ad applicare il metodo in 20 diversi sensori da cinque diversi produttori. “E’ come un cantante d’opera che colpisce una nota e colpisce un bicchiere di vino, infrangendolo; nel nostro caso, possiamo scrivere le parole [e inviare comandi ad uno smartphone]. Si può pensare ad questo metodo come ad un virus musicale“, ha spiegato uno dei ricercatori, Kevin Fu.

In altre parole, lo studio confermerebbe che basta un qualsiasi tipo di attività musicale per infrangere i muri di sicurezza di un dispositivo. Un pericolo che, se approfondito e dato per certo, metterebbe a dura prova e concreto rischio tutti i nostri dispositivi. Almeno quelli provvisti di accelerometri, ovvero quasi tutti. Pare, dunque, che quanto più si cerca di rendere più sicuri i device elettronici, tanto più questi sono deboli proprio per l’aspetto sicurezza. Un aspetto che i produttori non devono trascurare.