Kodak Ektra

Potrebbe essere confermato scientificamente che una delle prime cose di uno smartphone che un acquirente guarda è la fotocamera. E’ impossibile, infatti, essere davanti ad un cellulare di ultima generazione senza questo strumento: basti pensare che anche la nuova edizione del classico Nokia 3310 avrà in dotazione una piccola camera per effettuare foto e video.

Le fotocamere – proprio in quanto punto di riferimento principale di un device – possono essere croce e delizia, sia esteticamente sia qualitativamente. In alcuni casi, queste, invece di rappresentare un surplus rispetto alla struttura dello smartphone stesso, ne dimezzano il valore. Per questo motivo, il dibattito su come debbano essere le fotocamere del futuro è aperto tra gli ingegneri che lavorano ai vari progetti.

Una delle risposte più interessanti a questa domanda proviene dalla Germania. Alcuni ricercatori tedeschi hanno brevettato un nuovo sistema che prevede la costruzione di smartphone con fotocamere a comparsa. Il dispositivo (come visibile nella foto in allegato) si presenterebbe senza la classica camera anteriore e posteriore. Questa sarebbe estraibile dalla parte laterale della struttura solo nel momento del bisogno.

Una soluzione simile, secondo gli studiosi, potrebbe avere molti benefici. Come primo benefit ci sarebbe una netta migliore qualità per foto e video grazie ad un hardware in grado di raggiungere i 20 Megapixel. La seconda nota positiva sarebbe nell’indipendenza tra camera e smartphone, il che gioverebbe soprattutto in caso di malware o virus. Ultimo, ma non ultimo, con la fotocamere a comparsa, le altri componenti del dispositivo sarebbero ulteriormente sviluppate.

Le intenzioni dei tedeschi sono quelle di far diventare presto questi studi in fatti veri e propri. Ci riusciranno? Sarà molto interessante scoprirlo.