Nintendo Switch
In vendita dal 3 marzo a 329 euro.

Dopo tante diatribe e discussioni, finalmente è arrivato un verdetto ufficiale circa la configurazione hardware di Nintendo Switch e il chipset che monta. Continuate a leggere per sapere cosa è stato scoperto sul chiacchieratissimo Tegra X1.

Per colpa di diversi rumor e notizie discordanti, nelle scorse settimane era stato gettato un po’ di fumo su quella che è effettivamente la configurazione hardware dell’ultima console Nintendo ma finalmente, grazie ad una analisi approfondita svolta dai tecnici del sito riportato in calce, si è giunti ad un epilogo. In particolare, si era vociferato che il chipset montato nella macchina prodotta dalla casa nipponica fosse un nVIDIA Tegra X1 custom quindi leggermente riprogettato per adattarsi al meglio alle esigenze di Nintendo ma, udite udite, non è così. Come confermato, si tratta di un Tegra X1 stock ovvero perfettamente uguale a quello prodotto dalla società per Shield Android TV. Nessuna modifica o upgrade di ogni sorta: le prestazioni che il chip è in grado di garantire sono dunque le medesime mentre, l’unica cosa che differisce riguarda il software di gestione ed utilizzo.

Insomma, lo abbiamo già detto e lo ripetiamo: Nintendo Switch è una console che non vuole ‘mostrare i muscoli’ e non fa della potenza di calcolo il suo cavallo di battaglia bensì gioca tutto il suo potenziale sui giochi, sulle produzioni esclusive e sulla sua natura di home console sfruttabile ovunque si voglia.

Per chi non lo sapesse, ricordiamo che Nintendo Switch è disponibile al prezzo di listino di 329 euro.