internet
Internet dovrebbe combattere le fake news

L’inventore del World Wide Web Tim Berners-Lee, il ben noto WWW, ha rivelato la sua preoccupazione per le predominanti e dilaganti fake news, le false notizie che si ritiene siano la risultante di un “effetto raggelante” sulla libertà di espressione. Uno dei problemi che sottolinea in una lettera aperta è che le informazioni possono essere ottenute attraverso vari siti web, la maggior dei quali pagati per cliccare.

Internet permette a questi siti di mostrare il contenuto facendo clic su di esso“, ha scritto Berners-Lee. Questa informazione, o fake news, è solo un qualcosa che sembra essere sorprendente, ma in realtà è scioccante e creato per fare appello alle persone per condividerle e fare clic sul tema in questione.

Il creatore del WWW richiama l’attenzione sul fatto che “nonostante l’uso di dati scientifici e gli eserciti di robot che operano contro le cattive intenzioni, è possibile ingannare il sistema e ciò porta a diffondere disinformazione per ottenere un traguardo finanziario e politico“. Berners-Lee aggiunge che i governi stanno utilizzando le informazioni di massa per “aggirare” la legge, portando a quello che ultimamente assistiamo, ovvero al fatto che alcuni blogger e dissidenti siano imprigionati e uccisi da parte dei regimi più repressivi.

Leggi anche:  TIM, ecco come ottenere un GB di navigazione internet in regalo

Questi problemi “hanno creato un effetto raggelante sulla libertà di parola e impediscono a Internet di essere utilizzato come spazio per esplorare argomenti importanti, come ad esempio problemi di salute sensibili, la sessualità o la religione“, scrive ancora Tim Berners-Lee.

Il creatore di una delle più grandi invenzioni del nostro tempo ha espresso la sua critica in una lunga lettera aperta, indirizzandosi anche ai gruppi politici che sfruttano queste situazioni per diffondere i propri messaggi agli elettori. Berners-Lee ha richiamato anche le grandi aziende tecnologiche, come Google e Facebook, le sole che potrebbero riuscire a fare qualcosa contro le fake news.