internet

Sul finire dello scorso anno avevamo lanciato un’indiscrezione proveniente dalla Germania che voleva il governo tedesco pronto ad adottare misure molto importanti per contrastare il perdurare sui social delle cosiddette “fake news”. Con l’avvicinarsi delle future elezioni politiche – che si terranno il prossimo settembre – e con le piattaforme principali ancora non armate per contrastare questo fenomeno, il governo della Merkel sembra voler passare dalle parole ai fatti.

Il ministro della Giustizia, Heiko Mass, ha ufficialmente presentato in Parlamento un disegno di legge molto duro contro le “fake news”. In questa proposta, la cosa che emerge subito agli occhi è la presenza di multe salatissime contro i social, i blog o i siti web che ospitano notizie false, diffamatorie o che potrebbero sconvolgere l’ordine pubblico e/o personale.

Le cifre in ballo per queste multe sono estremamente importanti: si va sino ad un massimo di 50 milioni di euro da far pagare a tutte le piattaforme che non cancellano i contenuti incriminati. La Germania entra così in prima fila nella guerra che oramai tutto l’Occidente sembra voler portare ai fomentatori d’odio e di falsità.

Leggi anche:  Samsung accontenta i clienti più difficili: ecco l'Enterprice Edition di Note 8 e di Galaxy S8

Ovviamente, in casi del genere, le opinioni sono estremamente discordanti soprattutto perchè è sempre difficile stabilire i paletti attraverso cui muoversi. I dubbi maggiori riguardo questa proposta riguardano gli organi incaricati di stabilire quale notizia sia passibile di “fake news” e quale di semplice errore di metodo. Minor difficoltà, invece, dovrebbe esserci per stabilire oggettivamente se un contenuto è offensivo verso un singolo o una comunità.

In attesa di scoprire come si comporterà la Germania, attendiamo che anche qui da noi in Italia si apra al più presto con volontà precise un dibattito del genere.