Pokémon GO Lapras
Mr. Liang, un uomo di 67 anni di Singapore, muore per un attacco di cuore causato dal ritrovamento di un rarissimo Lapras selvatico giocando a Pokémon GO.

 

Dopo l’avvento della seconda generazione di mostriciattoli, Pokémon GO, la killer app di Niantic che ha stracciato ogni record, sta tornando a far parlare di sé dopo un periodo di calo durato molti mesi.

Come sicuramente saprete se siete dei giocatori accaniti di Pokémon GO, esistono alcuni tipi di mostri che sono davvero molto, molto rari da trovare, specie se non si abita in una grande città. Uno di questi è certamente il mitico Lapras, pokémon di tipo acqua / ghiaccio che, nell’anime, Ash possiede e usa per il trasporto via mare. Lapras è un pokémon molto raro e ambito sia per il suo doppio tipo che lo rende resistente alla maggior parte degli attacchi degli altri tipi, sia per i suoi numerosi punti ferita.

Con l’introduzione della seconda generazione però il povero Lapras è stato, come si dice in gergo, ‘nerfato’. Ossia i suoi punti lotta sono stati ridotti in modo tale da renderlo più debole, rimane ancora un pokémon molto raro da trovare, ma la sua utilità è stata compromessa. Ciò nonostante il povero Lapras è stato protagonista di una triste storia che proviene da Singapore, dove un uomo di 67 anni, a quanto pare grande appassionato di Pokémon GO, si era imbattuto proprio nel nostro Lapras, una situazione più unica che rara. L’uomo, che nel gioco aveva raggiunto il livello 28 e aveva registrato 200 pokémon nel suo pokédex, a causa dell’emozione dovuta all’incontro con il rarissimo Lapras, dopo averlo catturato è stato colto da un malore che gli è stato fatale.

Leggi anche:  Pokémon GO, in arrivo la terza generazione di mostriciattoli

 

 

Il signor Liang, questo il suo nome, era già sofferente di una malattia cardiaca congenita e, il ritrovamento di Lapras è stata solo la scintilla di innesco di un attacco di cuore che, probabilmente, sarebbe arrivato di lì a poco per una qualsiasi altra emozione.