parrot droni
Uno dei droni della Parrot

All’interno del Mobile World Congress 2017 era presenta l’area denominata “Innovation City”, all’interno della quale le varie aziende hanno presentato le proprie soluzioni per i centri abitati del futuro. Tra queste Huawei è stata senza dubbio una delle protagoniste, grazie al progetto dedicato ai doni incaricati dell’ispezione della rete cellulare.

Come ricorderete infatti, oltre che al settore della produzione di smartphone, Huawei è leader mondiale nella realizzazione delle infrastrutture di rete. In tal senso, l’azienda cinese ha già utilizzato i droni per ispezionare le proprie torri di ripetizione del segnale per i cellulari, incontrando sempre un’unica criticità, ovvero l’autonomia dei droni stessi.

Per poter ovviare a questo problema, Huawei ha pensato bene di integrare nelle torri dei sistemi di ricarica wireless per i droni, che consente di poterli ricaricare durante le loro operazioni di ispezione, aumentandone di molto l’efficacia e soprattutto l’area di estensione. Una soluzione davvero ingegnosa, che tra l’altro potrebbe trovare applicazioni anche al di là del caso specifico dell’ispezione delle torri di ripetizione.

Leggi anche:  Huawei Mate 9 con Android 8.0 Oreo AOSP? Si, è possibile grazie a Project Treble

Pensiamo, ad esempio, ad Amazon Prime Air, il sistema di consegne del colosso dell’e-commerce basato proprio sull’utilizzo dei droni, che potrebbe trovare grande giovamento dal sistema di ricarica wireless, potendo essere esteso in maniera molto più ampia rispetto agli standard attuali.

Insomma, ancora una volta Huawei dimostra la propria attenzione sul tema dell’innovazione, un aspetto sul quale l’azienda cinese ha sempre investito in maniera importante. Staremo a vedere con quali tempistiche questo sistema potrà essere concretamente introdotto, nel frattempo prepariamoci ad un futuro fortemente incentrato sui droni nei settori più disparati.