snapchat
Tutti i cloni di Snapchat

Lunedì scorso è stato annunciato che il servizio di messaggistica WhatsApp ha implementato le possibilità di creare contenuti in modo simpatico e popolari grazie al boom di Snapchat. Questo sviluppo è in linea con una tendenza che ha segnato l’andamento dello scorso anno, con evidenti cambiamenti nel caricamento delle immagini in Instagram e proprio Facebook.

Facebook, che ha cercato di acquistare Snapchat per 3.000 miliardi di dollari nel 2013, ha realizzato un certo numero di “copie” al servizio di messaggistica sulle sue diverse piattaforme: iniziando da Facebook Messenger, per passare a Instagram e, infine, WhatsApp.

Ora, proprio gli utenti di WhatsApp potranno creare aggiornamenti di stato con immagini, video e gif che scompaiono dopo 24 ore. Fino ad oggi, all’utente era consentito solo di immettere il testo.

Le pubblicazioni “effimere” saranno realizzabili grazie ad un altro strumento. Mark Zuckerberg ha abilitato sul suo social network uno strumento, Storie, grazie al quale si è in grado di caricare foto e video fino a 20 secondi e che scompaiono dopo un giorno. Instagram, da agosto 2016, permette agli utenti di accedere ad Instagram Storie e creare, appunto, delle cronistorie in immagini che scompaiono nello stesso arco di tempo.

Leggi anche:  WhatsApp, ecco come è possibile bloccare un gruppo

 

ll CEO di Instagram, Kevin Systrom, ha ammesso che la funzione è stata copiata da Snapchat. “Meritano tutto questo credito”, aveva affermato in occasione di un’intervista. “Quando sei un innovatore, è impressionante. Come Instagram, merita tutto il credito per portare i filtri in prima linea”, aveva anche aggiunto.

Facebook, inoltre, ha anche aggiunto la funzione “conversazione segreta” alla sua applicazione Messenger. Come con Snapchat, quindi, gli utenti possono inviare messaggi di testo “a tempo”.

Whatsapp, Facebook e Instagram: applicazioni che clonati Snapchat

Mentre alle immagini e ai video, è possibile inserire filtri colorati in precedenza “avvistati” su Snapchat.

Quindi, pur non essendo riuscito ad acquistare Snapchat, Facebook ne sta importando le caratteristiche principali del servizio di messaggistica. Probabilmente il social network è preoccupato per l’aumento di popolarità di Snapchat, anche se vuole ancora puntare sul grande vantaggio di avere un pubblico giovane.