YouTube

YouTube da oggi è più vicino ai suoi utenti, specialmente a tutti i suoi appassionati stressati dall’enorme mole di pubblicità presente prima di ogni qualsivoglia tipo di video. Il portale acquisito da Google ha infatti rivisto la sua politica inserzionistica, eliminando quella che era una vera e propria scocciatura: la pubblicità da trenta secondi impossibile da bypassare. Una gran parte degli annunci presenti su YouTube presentava sino a ieri questa rilevante caratteristica.

Il portale video, probabilmente, accortosi del poco rendimento di questo tipo di spot virerà verso orizzonti più sostenibili per gli utenti. Da oggi, infatti, dovrebbe essere sperimentata una prima tipologia di pubblicità, molto più dinamica e veloce, della durata esclusiva di sei secondi, ovviamente non superabili a causa della loro brevità. Restano invece le altre due tipologie di inserzioni: le pubblicità da dieci e da venti secondi.

Dietro questa mossa da parte di YouTube da una parte ci sono le critiche sempre più frequenti verso l’operato in campo inserzionistico, dall’altro ci sono i dati che indicano proventi relativamente inferiori rispetto al recente passato. Il portale di Google ultimamente non sta avendo un rapporto eccelso con gli inserzionisti e far digerire loro questa nuova politica non sarà semplice.

Anche se i tempi primordiali del YouTube libero da pubblicità sono passati e non ritorneranno più, questa ci sembra una mossa più che azzeccata da parte dei piani alti.