Xiaomi Mi 6 AnTuTu
Il prossimo flagship di casa Xiaomi si prepara a scuotere il mercato, e lo fa nel modo giusto mostrando i suoi muscoli ancora prima di essere annunciato

Xiaomi sta fronteggiando un periodo non proprio roseo. Le difficoltà economiche della società sono causate in parte dal calo delle vendite dei dispositivi. Infatti i recenti modelli lanciati da Xiaomi come il Mi Note 2 e il Mi Mix seppure rivoluzionari e dotati di un comparto hardware interessante, non sono riusciti a trainare le vendite di smartphone della casa.

Questa situazione è causata anche dalla crescita vertiginosa dei competitor. Brand come Huawei, Honor e Oppo stanno sempre più conquistando quote di mercato togliendo spazio a Xiaomi.

L’azienda però non si da per spacciata. Infatti, per risultare più appetibile agli occhi dei clienti , Xiaomi ha intenzione di realizzare molti device ampliando la propria offerta. In questo modo si potranno coprire più fasce di mercato rispondendo alle esigenze degli acquirenti. Aspettiamoci quindi svariati medio e top di gamma in arrivo nel corso dei prossimi mesi.

Il processo di rinnovamento inoltre passa anche da una modifica nella supply chain. Xiaomi infatti modificherà i propri rapporti con la catena di fornitori. Grazie a questi cambiamenti sarà possibile ridurre i costi di produzione e ottimizzare le risorse. Il primo passo verso questa direzione è il cambiamento del fornitore di display. I pannelli che saranno equipaggiati dai nuovi dispositivi saranno forniti da Truly Opto-electronics.

Il secondo passo sarà quello di realizzare una CPU proprietaria ad alte prestazioni e ad alta affidabilità per rilanciare ed incrementare il valore del brand. Il nome in codice del System-on-a-Chip è Pinecone, e verrà presentato a Pechino il prossimo 28 febbraio.