Samsung
Samsung, il quartier generale di Seoul (Corea del Sud)

Samsung è una delle società multinazionali più importanti al mondo, con migliaia di lavoratori dipendenti e milioni di clienti in tutto il globo. Il suo successo è stato costellato di tanti alti e bassi, fino al boom di vendite ed alla leadership nel mercato tecnologico mondiale. Scopriamo insieme alcune piccole peculiarità del gruppo asiatico.

Innanzitutto, però, è doveroso ricordare che attualmente Samsung si compone di ben 4 divisioni: Samsung Electronics Devices Co., Samsung Electro-Mechanics Co., Samsung Corning Co. e Samsung Semiconductor & Telecommunications Co. Inoltre, il gruppo realizza un fatturato di ben 178 miliardi di dollari l’anno ed impiega circa 300.000 dipendenti del suo processo produttivo.

Samsung, una piccola drogheria sul tetto del mondo

Samsung
Samsung, gli uffici sud-coreani alla fine degli anni ’30

Si avete letto bene: Samsung in origine era una pura e semplice drogheria, vale a dire una catena di negozi volta alla vendita di generi alimentari e prodotti casalinghi. L’azienda fu fondata il 1° marzo del 1938 ed almeno inizialmente si specializzò nell’import-export di prodotti alimentari. In gergo tecnico economico, Samsung all’epoca rientrava nella categoria delle PMI (Piccole e medie imprese) e più precisamente era considerata una vera e propria micro-impresa.

Il fondatore, Lee Byung-Chu, comprese immediatamente il potenziale della globalizzazione e decise di intraprendere, con aiuti statali, nuove attività nel settore industriale tessile, della petrolchimica, delle costruzioni navali, ecc. Ben presto l’azienda diventò uno dei 4 conglomerati sud-coreani più importanti, insieme a Hyundai, Daewoo ed LG. A fine anni ’60, però, avviene la svolta epocale destinata a cambiare la vita di tutti noi: Samsung entra nel mercato tecnologico e più precisamente in quello dei televisori, per fare concorrenza al gigante giapponese Sony.

Il grattacielo più alto al mondo è stato costrutito da Samsung

Samsung
Samsung ha costruito il Burj Khalifa

Grazie al suo enorme strapotere finanziario il colosso sud-coreano è stato capace di imprese grandiose, come quella della costruzione del più alto grattacielo al mondo: il Burj Khalifa di Dubai. La divisione “Engineering & Construction” ha sviluppato e messo in pratica il progetto di questo magnifico edificio, inaugurato nel 2010 e costato circa 20 miliardi di dollari. Lo stabile è alto più di 800 metri e contiene al suo interno ben 10.000 appartamenti su 49 piani.

Un’azienda fortemente attiva nel settore nucleare

Samsung
Samsung, leader del settore nucleare in sud-corea

Una delle attività più importanti e redditizie del gruppo Samsung è sicuramente quella relativa al settore nucleare. Nella Corea del Sud, infatti, la società ha costruito ben 21 reattori nucleari e nel “recente” 2009, gli Emirati Arabi Uniti hanno affidato a Samsung ed altre società sud-coreane consorziate la costruzione di 4 centrali nucleari.

La più grande nave-cisterna al mondo è marchiata Samsung

Samsung
Samsung Prelude FLNG è la nave più grande mai realizzata

L’epoca del gigantismo navale è finita da un po’, tuttavia, Samsung continua ad essere uno degli attori più importanti al mondo in questo settore. La più grande nave al mondo (lunga 488 metri e capace di trasportare circa 3,6 milioni di gas ogni anno), infatti, è stata costruita dalla divisione “Heavy Industries” del colosso sud-coreano. Il costo dell’operazione è stato di 9 miliardi di euro.

Un centro di formazione per i dirigenti

Lavorare all’interno di Samsung è motivo di orgoglio e vanto per migliaia di lavoratori in tutto il mondo. Specialmente in posizione dirigenziali, infatti, la società mette a disposizione dei propri dipendenti tantissimi benefici ed agevolazioni a carattere economico e sociale. Per poter entrare a far parte del gruppo, però, è innanzitutto necessario inviare una candidatura spontanea di tipo classico (mediane CV coadiuvato da una lettera di motivazione); in seguito se si passa il primo step il candidato dovrà passare un test medico e psicologico; infine, gli individui risultati idonei potranno trascorrere diverse settimane in un centro di formazione professionale per poter acquisire il vero spirito aziendale. Al termine dello stage i migliori entreranno a far parte del gruppo di dirigenti della società.

Un’università che forma ogni anno 30.000 studenti

Samsung
Samsung, i designer studiano a Seoul

Piuttosto che assumere personale già formato, indubbiamente più costoso e meno fedele all’azienda, il gruppo sud-coreano ha deciso di formare autonomamente nuovi designer presso il proprio “Samsung Art & Design Institute” con sede a Seoul. Questa università prestigiosa forma all’incirca 30.000 studenti ogni anno, attraverso una didattica incentrata sulla moda, sulla comunicazione e sul design digitale. È doveroso ricordare, però, che gli studenti in questione al termine dei loro studi potranno scegliere volontariamente dove e per chi lavorare.

E voi quanti di questi aneddoti conoscevate? Fatecelo sapere nei commenti!