LG
LG sembra essere in forti difficoltà economiche

Eccoci tornati con la nostra rubrica del lunedì, “L’economia del mercato smartphone”, con la quale cerchiamo di farvi comprendere meglio i trend dominanti di questo settore. Dopo aver analizzato nel dettaglio la situazione di Huawei, SamsungOppo, HTC e Sony, questa volta ci concentriamo su LG, uno dei brand storici dell’elettronica di consumo.

Nonostante l’azienda coreana operi nel mercato dal lontano 1958, e ricopra una posizione di leadership in molti settori dell’elettronica, come quelli degli elettrodomestici e dei televisori, sta faticando tremendamente a ritagliarsi una quota significativa all’interno del settore smartphone.

LG ha vissuto i migliori anni nel mercato della telefonia all’inizio dell’era Android. Inizialmente era nota al grande pubblico come l’azienda che tentava di introdurre per prima le novità hardware. Come dimenticare lo storico Optimus Dual, il primissimo smartphone ad introdurre le CPU Dual-Core, che oggi sembrano quasi preistoria. Era il lontano 2011.

In quegli anni i brand cinesi non erano ancora esplosi, e le quote mercato erano essenzialmente suddivise dagli storici giganti dell’elettronica. Basti pensare che, a fine del 2013, LG era il quarto produttore mondiale di telefonia, alle spalle di Samsung, Nokia ed Apple. All’epoca, l’azienda coreana metteva insieme qualcosa come 50 milioni di smartphone venduti ogni anno.

E poi cosa è successo? Beh, semplicemente LG non è stata in grado di stare al passo con la crescita dei principali concorrenti, incluse le realtà provenienti dalla Cina. L’azienda coreana ha pagato una serie di errori strategici, con i recenti top gamma che non sono riusciti a convincere a pieno il mercato, fino a giungere al recente flop del G5.

Il top gamma del 2016 infatti ha faticato tremendamente sul mercato, tanto da raggiungere a stendo il milione di unità vendute. Un dato impensabile per un’azienda che, oltre ad essere uno dei colossi storici dell’elettronica, vendeva 50 milioni di smartphone fino a qualche anno fa.

In tutto questo si inserisce il G6. È a causa degli scarsi risultati degli ultimi anni che questo dispositivo è investito di così tanta importante. Dunque, il 26 febbraio sarà una giornata fondamentale per il futuro di LG nel settore smartphone. Una sorta di sliding doors, che potrebbe rilanciare l’azienda o definitivamente affossarla. Staremo a vedere.