PS4 Pro
In vendita dal 10 novembre.

Non ci si finisce mai di stupire! Questo è davvero uno di quei casi in cui, raccontando un episodio di cronaca realmente avvenuto si resta basiti, senza parole. Ecco la triste storia – ma che speriamo avrà un lieto fine – avvenuta in un reparto di ospedale in Nuova Zelanda.

In sostanza, come riportato dal quotidiano nazionale The Dominion Post, durante lo scorso fine settimana alcuni ladri si sono introdotti all’interno di un reparto dell’ospedale di Wellington per rubare una PlayStation 4 che era stata donata ai bambini ricoverati malati di tumore. La console era stata donata all’ospedale e veniva utilizzata da circa quindici bambini, tra cui il giovane Angus Little di nove anni afflitto da un tumore al cervello inoperabile che ingannava il tempo giocando a Minecraft durante le sue sessioni di chemioterapia. Insomma, si è trattato di un gesto davvero disgustoso che non ha fatto altro che scontentare e deludere alcuni sfortunati ragazzi i quali si sono ritrovati privati del loro passatempo e dei salvataggi e progressi fatti nel gioco, a cui erano sicuramente affezionati in quanto personali ed importanti per loro. La madre del giovane si è dichiarata incredula e sembra davvero incredibile che qualcuno si sia infiltrato in un reparto di oncologia pediatrica ed abbia rubato la console schiodandola dal tavolino in cui era stata riposta.

Su Facebook è partita una campagna di raccolta fondi che sicuramente in poco tempo riuscirà a raggiungere la cifra richiesta poiché, in questo caso, non conta tanto il valore dell’oggetto ma il significato che ha per i bambini dell’ospedale.