password
Password dei social per entrare negli US

A chi vorrà visitare gli Stati Uniti potrebbe essergli chiesto di rendere note le password di accesso ai social media. A farlo, saranno i funzionari di frontiera nell’ambito dei controlli di sicurezza avanzati. A renderlo noto, il capo della sicurezza interna superiore del paese. Il caso è stato annunciato dal Segretario alla Sicurezza Nazionale John Kelly al Congresso: la misura è uno dei tanti provvedimenti volti a tenere sotto controllo i richiedenti ​​visto dei sette paesi a maggioranza musulmana su cui il presidente Trump ha puntato il dito.

Vogliamo ottenere il controllo dei loro social media con le password: ‘Cosa fai, cosa dici?’“, ha spiegato al Comitato per la Sicurezza Nazionale House. “Se non vogliono collaborare, allora non vengono rispediti indietro“.

Un ordine esecutivo del presidente Donald Trump al blocco temporaneo dell’ingresso alla maggior parte dei rifugiati e viaggiatori provenienti da Siria, Iraq, Iran, Somalia, Sudan, Libia e Yemen. Kelly, un incaricato di Trump, ha sottolineato che chiedere le password degli iscritti ai social network è solo una delle “cose ​​che stiamo pensando” di fare e nessuno dei suggerimenti, al momento, è stato reso effettivo. Sta di fatto, che questo “suggerimento” non è per niente consono alle leggi sulla privacy ed è quantomeno ridicolo.

La necessità si è resa evidente poichè, sotto il vaglio di una valutazione esistente, secondo Kelly, i funzionari “non hanno molto con cui lavorare“, basandosi sulla documentazione presentata dal richiedente e facendo loro domande sul proprio background. Ciò si rende ancora più problematico quando si tratta di cosiddetti “stati falliti”, come la Siria o la Somalia, dove le infrastrutture e la tenuta dei registri è stato degradato dal conflitto. “Quando qualcuno dice ‘Io sono di questa città e questa era la mia occupazione’, [i funzionari] essenzialmente devono prendere per buona la parola del singolo“, ha spiegato. “Io francamente non credo che sia abbastanza e certamente anche il Presidente Trump pensa che non sia abbastanza. Quindi, dobbiamo aggiungere forse alcuni livelli“.

Così come chiedere alla gente per le proprie password. Sebbene Kelly abbia anche aggiunto che stava pensando di ottenere i dati finanziari della gente. “Siamo in grado di tracciare il denaro, per così dire. Come vivete, chi vi sta inviando soldi?“, ha specificato. “Si applica in determinate circostanze, a soggetti che possono essere coinvolti nel libro paga delle organizzazioni terroristiche“.

Ottenere le password dei visitatori è stato un suggerimento considerato dai migliori funzionari del Dipartimento della Sicurezza sotto l’amministrazione Obama, ma questa politica non è mai stata adottata.