anonymous
Anonymous mette offline siti di pedopornografia

Lo scorso venerdì, Anonymous, il noto gruppo internazionale di “hacktivisti”, ha attaccato 10.613 siti ospitati dal Deep Web – una profonda rete di siti che può essere raggiunta solo attraverso browser speciali e impedisce qualsiasi tipo di monitoraggio del server. Uno degli autori del cyberattacco sostiene che circa la metà di questi siti sono dedicati alla pedopornografia.

Uno degli hacker ha raccontato quanto è successo sul sito Motherboard. “E’ stato il mio primo hack“. Il 30 gennaio, dunque, sono riusciti ad accedere ai server della società di hosting Freedom II. Questa azienda fornisce portali di stoccaggio alloggiati nel “profondo web”. In teoria, fornisce fino a 256 MB di capacità.

Gli hacker hanno iniziato osservando tali siti. La loro intenzione non era quella di mettere offline il server, ma osservarne il loro funzionamento in modo “silenzioso”. Le cose sono cambiate quando sono stati scoperti almeno una dozzina di siti, ognuno con diversi giga di contenuto di pornografia infantile. “Questi siti illegali hanno superato il limite di 256 MB per ogni sito imposto dal Freedom Hosting II. Ho pensato che doveva essere richiesto ed ottenuto il permesso dagli amministratori del server di poter occupare lo spazio aggiuntivo richiesto con contenuto pornografico“, ha dichiarato l’hacker.

Così, il gruppo di hacker ha elencato 21 step per minare i server. E ne hanno pubblicato un elenco dettagliato:

hacker anonimi hanno attaccato siti pedopornografici

Dopo il disenroll di Hosting Freedom II, gli hacker hanno postato un messaggio che era possibile leggere quando si tentava di accedere ad uno dei siti ospitati:

hacker anonimi hanno attaccato siti pedopornografici

Il messaggio chiaro è che il totale dei contenuti raggiungesse i 74 GB. Il file system (non inclusi i dati utente) è stato condiviso attraverso i BitTorrent e i visitatori sono stati invitati a donare bitcoines per sostenere la causa.

Esiste un elenco dei nomi dei siti coinvolti nell’attacco e l’hacker intervistato da Motherboard ha assicurato che i dati raccolti saranno messi a disposizione delle autorità.

Esperti di sicurezza informatica dichiarano che Hosting Freedom II ospita un quinto dei siti del Deep Web. A tale proposito, non sono stati presi di mira siti di pornografia infantile, ma anche diverse correnti religiose e politiche.

Nel 2011, gli hacker di Anonymous hanno scoperto 40 siti di pornografia infantile. Nel 2013, le autorità hanno messo offline provider di archiviazione e questo ha portato a diversi arresti.