hater
L’app per trovare chi odia le stesse cose

Internet è colmo di siti, piattaforme e applicazioni di appuntamenti, ma sempre basata sui gusti e le preferenze che condividiamo con altri utenti. Lo scopo, in genere, è quello di vedere quanto supporto e interesse potrebbe esserci in un momento particolare, quando si vuole entrare in contatto con qualcuno.

Ecco, Hater ribalta tutto quanto detto sopra. Si tratta di una nuova applicazione grazie alla quale possiamo trovare la nostra anima gemella attraverso le cose che odiamo “in comune”.

Non è certo sviluppata per valutare se ad una persona piace la vostra stessa musica, gli stessi animali, lo stesso sport o lo stesso genere cinematografico. Hater è piuttosto un tentativo per dimostrare che l’affinità con qualcuno potrebbe discostarsi dalle cose che si hanno in comune, quanto si concentra su quelle che più si detestano.

Hater è ancora in beta e solo in inglese, ma sarà caratterizzata da una filosofia molto simile alla dinamica di un’esca. Naturalmente, questa applicazione romperà ogni paradigma riguardante l’idealizzazione di una coppia. Quando troviamo qualcuno, quasi sempre mostriamo il nostro lato migliore o i nostri migliori sorrisi; ma, forse, una versione più realistica di noi stessi è l’essenza delle cose negative che ci caratterizzano. Un lato più umano, in qualche modo.

Scaricando Hater, abbiamo la possibilità di accedervi con un nuovo account o collegandoci direttamente con il nostro profilo Facebook, in base alle preferenze di ogni utente e alle sue necessità di privacy.

In base allo slogan “Incontra le persone che odiano le tue stesse cose“, Hater consente di definire le cose che si respingono prontamente, in modo che altre persone potrebbero essere interessate a voi e verificare la percentuale di compatibilità. Le dinamiche che sarà necessario scegliere divagano dalle cose semplici – come le persone che camminano lentamente, il dover lasciare suggerimenti, rifare il letto, uscire con i colleghi, le persone che masticano la gomma con la bocca aperta, ecc. – ad altre più serie.

Quando si è inserita la propria descrizione, Hater crea il profilo per iniziare a fare amicizia con gli altri. Come nel caso dell’esca, l’applicazione funzionerà meglio con la geolocalizzazione “dell’odio” per vedere come la distanza potrebbe influenzare quando si interagisce con qualcuno.

La piattaforma sarà lanciato ufficialmente oggi, 8 febbraio, e sarà disponibile per iOS e gli utenti Android in primavera.