Android
Android, corrette 35 falle con l’ultimo aggiornamento di sicurezza del mese di febbraio

Android è più sicuro quest’oggi. Google, infatti, ha rilasciato il suo tradizionale aggiornamento mensile per la sicurezza del suo OS mobile. L’update corregge 35 falle di sistema, di cui ben 8 critiche. A breve, tutti i possessori degli smartphone delle linee Nexus e Pixel riceveranno la notifica per procedere all’aggiornamento via OTA.

Come d’abitudine, dunque, Big G non si è fatta di certo pregare ed anche questo mese ha rilasciato il suo consueto aggiornamento di sicurezza mensile per il suo OS mobile di punta. Aggiornamento che, purtroppo, sarà possibile osservare tra diversi mesi sui restanti dispositivi Android, non prodotti da Google.

Delle 35 falle corrette dall’update, 8 sono critiche e, quindi, maggiormente pericolose per la privacy e la sicurezza degli utenti. Tra esse, inoltre, ben 3 riguardano l’esecuzione di codice malevolo a distanza e colpiscono “MediaServer” (si ancora lui!) e “Surfaceflinger “, vale a dire il programma per la crittografia di Qualcomm. Le restanti falle critiche, infine, colpiscono direttamente il kernel dei dispositivi e riguardano le autorizzazioni ed i privilegi di sistema (Driver per le GPU NVIDIA ed i moduli Wi-Fi di Broadcom).

Leggi anche:  WhatsApp: ecco come recuperare i messaggi cancellati dai dispositivi Android

Android, l’aggiornamento a breve disponibile per i possessori degli smartphone targati Google

Il rilascio dell’aggiornamento di sicurezza in questione riguarderà esclusivamente gli smartphone della linea “Nexus” e quelli della nuovissima linea “Pixel” di Google, sempre che essi siano ancora supportati dal piano di update previsto dal colosso statunitense (al massimo 3 anni o 18 mesi dall’ultima vendita del dispositivo sullo store ufficiale online).

Per quanto riguarda, invece, gli altri smartphone il roll-out dell’aggiornamento sarà molto variegato. I top di gamma, infatti, potrebbero riceverlo in seguito ad un major update cumulativo già a partire dai prossimi mesi; per i restanti dispositivi delle altre fasce di mercato, la situazione è ben diversa e rischia di concludersi con un nulla di fatto. Non ci resta che attendere e sperare, dunque. Per ulteriori informazioni e novità in merito ad Android ed al mondo della tecnologia in generale, continua a seguirci su TecnoAndroid.it!