paypal attacco hacker phising online
Attacco phishing al noto metodo di pagamento online PayPal

Molti di voi avranno usato o conosceranno il famosissimo metodo di pagamento PayPal. Da anni considerato una garanzia sul web a tutela di venditori e soprattutto acquirenti. Alcuni utenti nei giorni scorsi hanno segnalato il ricevimento di mail sospette contenenti il nome del noto servizio.

Gli hackers hanno infatti inoltrato messaggi di posta elettronica facendo credere agli utenti si trattasse di PayPal. In particolare nella mail si legge che l’account della vittima ha subito delle restrizioni a causa di “attività inusuali“. Per risolvere il problema è dunque necessario contattare il servizio clienti attraverso un link contenuto nella mail. All’apertura del suddetto indirizzo, l’utente inserisce username e password che in questo momento vengono rubati.

Come evitare l’inganno

I tentativi di phishing ormai sono innumerevoli e spesso accadono col nome dei più blasonati servizi, proprio come avvenne qualche settimana fa per Gmail. Bastano pochi accorgimenti basati sull’attenzione, per rimanere alla larga da determinate truffe.

  • Controllare sempre il mittente della mail. I precedenti messaggi ricevuti da PayPal (estratto conto, mail di conferma di avvenuti pagamenti ecc.) avranno l’indirizzo ufficiale della compagnia che sarà diverso da quello usato per attività fraudolente.
  • Accedere al proprio conto PayPal attraverso il sito ufficiale. Il servizio vi segnalerà se ci sono eventuali problemi col vostro account che potrete risolvere direttamente dal portale. Se tutto risulta nella norma, ne consegue che la mail ricevuta non arriva dalla compagnia.
  • Le mail ricevute da PayPal al loro interno conterranno il vostro nome e cognome per esteso. Al ricevimento di un messaggio che manca di informazioni personali, prestate attenzione perché il rischio risulta alto.
  • Una volta capito che si tratta di una truffa, segnalare l’indirizzo email come spam ed eliminarlo. Ciò aiuterà gli altri utenti che a loro volta riceveranno la mail come spam e saranno meno soggetti alla frode.