apple
Apple si unisce all’alleanza sull’intelligenza artificiale

Apple si è unita in un’alleanza sull’intelligenza artificiale, creata alla fine dello scorso anno e che già soddisfa la maggior parte dei “pesi massimi” del settore della tecnologia degli Stati Uniti. A differenza di concorrenti come Google (gruppo Alphabet), Facebook o Microsoft, Apple era rimasta discreta riguardo i propri progetti nel campo dell’intelligenza artificiale.

Apple ha aderito all’associazione sull’intelligenza artificiale come membro fondatore“, ha dichiarato la stessa azienda sul suo sito web. L’associazione, senza scopo di lucro, originariamente aveva annunciato a fine settembre di aver riunito nomi come Microsoft, Amazon, Google e la sua filiale britannica Deepmind, oltre a Facebook e IBM. L’obiettivo, aveva specificato, era quello di individuare le comuni “buone pratiche” per garantire che la tecnologia sia utilizzata “per il bene delle persone e della società.

Nel momento in cui le più potenti aziende del settore tecnologico stanno investendo molto nel campo dell’intelligenza artificiale, questa partnership è solo una delle iniziative avviate per contrastare i timori che le macchine possano, un giorno, andare fuori controllo e “ammutinarsi” contro l’umanità.

Il multimiliardario Elon Musk, a capo di Tesla e SpaceX, ha partecipato lo scorso anno alla creazione di un’altra organizzazione no-profit dedicata alla ricerca nel campo dell’intelligenza artificiale, OpenAI, asserendo con fermezza che questa tecnologia serve per aiutare l’umanità.