Trump

I primi giorni dell’era Trump non sono certo passati sotto traccia. Tra il discorso d’insediamento, le manifestazioni che hanno coinvolto milioni di donne da tutto il mondo e l’annuncio oramai ufficiale della costruzione del muro tra USA e Messico, il neo presidente americano è sulle prime pagine di tutti i giornali.

C’è una notizia, tra le tante in cui si trova coinvolto Trump, che però è passata quasi sottotraccia. Il neo presidente, in barba a tutti i suoi predecessori ed a tutti i protocolli di sicurezza della Casa Bianca ha deciso di non rinunciare al suo cellulare Android per il dispositivo standard che utilizzano tutti i capi di stato USA dato in dotazione dai servizi di sicurezza e garantito dal DISA (Defense Information Systems Agency).

Il motivo di questa scelta sarebbe esclusivamente legato ad un unico fattore: Trump non vuole infatti abbandonare il suo profilo Twitter ufficiale – quello con cui ha costruito gran parte della sua campagna – e sarebbe anche restio all’utilizzo personale dell’account @Potus (il profilo ufficiale della Casa Bianca), che dovrebbe essere invece affidato ad una ristretta cerchia di fedelissimi.

Trump anche nelle sue prime ore al 1600 di Pennsylvania Avenue ha continuato ad utilizzare il suo social preferito. Molti utenti, anche per evidenziare le evidente falle di sicurezza che si nasconderebbero nell’utilizzo di un normale cellulare, si sono incuriositi ed hanno scoperto che il device attualmente utilizzato dal presidente sarebbe un Samsung Galaxy S3 con installato Android 4.3 Jelly Bean. Per un uomo dalle sue ricchezze, ci si aspettava almeno un top di gamma…