Nuova avventura da parte di LG, che sfida Asus

Probabilmente questo 2016 è stato uno degli anni più fertili di ricerca e sviluppo in ambito tecnologico e abbiamo visto numerosi rami incrementare enormemente le loro funzioni e per la prima volta si sono rivolti al pubblico come un prodotto finito e completo, sono un esempio la domotica e la robotica.

Parlando di quest’ultima, nei scorsi giorni, in piena attività al CES 2017, LG ha annunciato una nuova linea di robot, frutto di numerosi anni ed investimenti in ricerca e sviluppo nell’Iot, l’Internet delle cose ( Internet of things).
Il dispositivo si presenta con le linee guida che caratterizzano gli ultimi mesi in ambito tecnologico. Infatti, esso sarà in grado di collegarsi alla vostra abitazione, con elettrodomestici, oggetti hi-tech dinavrio tipo e sarà perennemente in contatto con voi, come una vera persone, grazie al servizio di riconoscimento vocale Alexa di Amazon. Il dispositivo presenta un ottimo impatto visivo, che rispecchia le ultime avanguardie tecnologiche, infatti, ci è permesso visualizzare il suo funzionamento e altre feature attraverso un display flessibile su di esso. Inoltre è in grado di interagire in vari modi con le persone, simulando sensazione ed emozioni, riuscendo a rispondere con varie modalità di espressione, attraverso una modalità simile vista su Zenbo di casa Asus.

Leggi anche:  Galaxy S9: si parla del CES, intanto il contenuto della scatola fa sognare gli utenti

Domotica

L’idea di LG è quella di creare un ecosistema molto simile a quello.pensato da Google e Amazon con Google Home e WiFi e Amazon Echo Doct. Infatti oltre a nuove funzioni, il robot sarà in grado di riprodurre musica, ricordare promemoria ecc. L’integrazione tra varie componenti sparse per la vostra abitazione vi permetteranno una immersione fuori dal comune, una vera proiettore verso il futuro. Ciò è reso possibile dalla creazione di una serie di robot più piccoli da parte dell’azienda coreana.
Il sistema di LG, però, non sembra intenzionata a rimanere confinanta nelle abitazioni domestiche e si prefissa di prendere parte a strutture pubbliche e private. Nell’aeroporto di Seoul verrà installato per soddisfare le esigenze dei viaggiatori, ai quali potrà rispondere in cinese, coreano, giapponese ed inglese.