terremoto
Un nuovo fenomeno allo studio sui fondali dell’Oceano Indiano

Cosa succede al largo di Sumatra, in una delle zone meno frequentate dell’Oceano Indiano, il bacino di Wharton? Questa zona relativamente remota per qualsiasi margine di placca tettonica è stata scossa da quattro terremoti particolarmente potenti in questi ultimi anni. Due dei quali, nel mese di aprile 2012, hanno raggiunto l’8,6 grado della scala Richter.

Dopo due campagne oceanografiche, un team guidato da Satish Singh dell’Istituto di Fisica del Globo di Parigi avrebbe trovato una possibile spiegazione: Crediamo che la placca tettonica Indo-australiana stia semplicemente cercando di spezzarsi in due e che una nuova placca stia formandosi lungo una linea lunga 1.000 chilometri“, più o meno orientata sulla linea nord/sud, spiega lo scienziato. Tale fenomeno, c’è da dirlo, non era mai stato osservato dagli scienziati finora.

Nuove vulnerabilità scoperte sul fondo del mare

A sostegno della loro teoria, i ricercatori hanno raccolto diversi dati relativi ad attività sismica sia le “anomalie” scoperte sul fondo del mare con un sonar ad alta frequenza. La teoria è plausibile: “La piastra Indo-australiana si è allungata, e si muove velocemente sul lato australiano e sulla parte indiana, dove si imbatte contro l’Eurasia. Grandi deformazioni sono dunque alla sua origine“, ha detto Satish Singh, che tornerà in zona questa estate per cercare di confermare l’ipotesi.

Alla luce di queste considerazioni, c’è da chiedersi se questo fenomeno sia in qualche modo collegabile all’ondata di terremoti che ha investito la nostra penisola dall’agosto scorso. E’ innegabile che qualcosa stia “cambiando” nel cuore del nostro Paese. Ma cosa?

Secondo diversi studi, la Luna potrebbe essere coinvolta in questi fenomeni sismici. Essa, infatti, con i suoi effetti sulle maree, ha una parte di responsabilità nel verificarsi dei terremoti. Gli scienziati dapprima ne dubitavano, ma grazie ad approfondimenti e ricerche, alcuni legami sono stati rintracciabili. In sostanza: la probabilità di avere un grande terremoto sarebbe particolarmente forte nei periodi di luna piena o luna nuova. Questi risultati affinano un po’ quello che la scienza ritiene di non poter prevedere. E, in particolare, grandi terremoti – ovvero quelli con magnitudo superiore a 5.5 gradi della scala Richter. Se non vi è solo la probabilità, è un buon passo in avanti.