WhatsApp
WhatsApp introduce finalmente l’attesa feature di revoca dei messaggi inviati, potremo finire di far danni in maniera accidentale?

 

Ne avevamo già parlato e la stavamo tutti aspettando, finalmente da oggi WhatsApp si aggiorna sia per iOS che per Android rispettivamente alle versioni 2.17.1 e 2.17.27 e introduce l’agognata feature della revoca dei messaggi inviati. Gli updates, in roll-out già in queste ore, arriveranno su iOS per la release stabile, mentre su Android ancora per il circuito beta, introducendo, oltre a questa caratteristica tanto attesa, altre interessanti novità.

L’aggiornamento, che vi consigliamo di scaricare solo se connessi ad una rete WiFi, è molto corposo, si aggira intorno ai 200 MB, e introduce definitivamente per tutti la possibilità di aumentare il numero di media inviabili contemporaneamente in una conversazione, da 10 a 30. Nel client in versione iOS le novità saranno più numerose in quanto, su iPhone è stata introdotta la possibilità di gestire lo spazio di archiviazione di WhatsApp tramite l’eliminazione della possibilità di salvare foto e video (cosa che su Android è disponibile da parecchio tempo) e la possibilità, quando l’utente si trovi in una zona con scarsità di segnale di rete, di selezionare i messaggi in uscita e lasciarli in coda.

La novità più grossa è sicuramente quella della revoca e quindi della cancellazione dei messaggi inviati che è ufficialmente disponibile in entrambe le versioni. L’unica brutta notizia è che, nonostante sia stata implementata questa feature, la sua entrata in vigore effettiva è ancora bloccata via server ma riteniamo che sia solo questione di ore prima che venga definitivamente resa disponibile. Ricordiamo che una volta sbloccata, la caratteristica permetterà a tutti noi di revocare uno o più messaggi inviati, cancellandoli anche dalla conversazione del destinatario, un po’ come avviene per i super gruppi di Telegram, dandoci un’ancora di salvezza qualora avessimo sbagliato chat. Addio quindi messaggi destinati agli amici e recapitati alla mamma!

Quando la feature verrà definitivamente sbloccata dal lato server accorreremo prontamente in vostro aiuto con una comoda guida all’uso, per il momento dobbiamo tenere duro ancora un pochino sperando che il tutto venga sbloccato il prima possibile!