Audi
Audi sempre più smart grazie alle nuove CPU di Samsung

Audi e Samsung sembrano aver stipulato un accordo strategico dall’importanza mondiale. Prossimamente, infatti, il colosso dell’auto tedesco monterà i processori Exynos dell’azienda sud-coreana sulle proprie automobili prodotte. Le CPU saranno le stesse montate negli smartphone prodotti dalla stessa Samsung.

Quasi tutti gli smartphone della società asiatica venduti in Europa monta il processore proprietario al suo interno ed a breve, dunque, anche le auto prodotte da Audi non saranno da meno. L’accordo appena siglato tra i due gruppi è volto a migliorare il servizio offerto in campo automobilistico, a livello info/multimediale, e non sarà in alcun modo destinato a progetti di “guida autonoma“. Questi ultimi, invece, saranno seguiti dal processore “Xavier” di Nvidia, presentato al CES 2017 di Las Vegas, e dalla relativa intelligenza artificiale ad esso legata.

Audi e Samsung per delle auto più tecnologiche

Audi
Audi monterà le CPU Exynos di Samsung sulle sue vetture

Lo scopo finale delle due società, dunque, è di collaborare al fine di diventare pionieri nel settore della tecnologia a bordo degli autoveicoli, oggigiorno sempre più importante. Dal canto suo, però, l’iniziativa comporterà un importantissimo traguardo strategico per entrambi i marchi, che d’ora in poi potranno supportarsi a vicenda per battere la concorrenza.

Leggi anche:  Galaxy S8: l'ennesima truffa rende protagonista il top di Samsung

Ricordiamo, inoltre, che i processori Exynos di Samsung sono utilizzati dal gigante sud-coreano sin dal lontano 2010 (a seguito della presentazione della sua celebre linea “Galaxy“) e, di conseguenza, trattasi di CPU ben collaudate e dalle ottime prestazioni complessive. È doveroso comunicare, infine, che per ottenere questo accordo, Samsung ha dovuto battere la concorrenza di Qualcomm, Intel ed Nvidia nelle negoziazioni con Audi.

Per quanto concerne la presentazione di eventuali modelli dotati delle nuove tecnologie rivoluzionarie in questione, occorrerà attendere almeno la fine dell’anno. Non ci resta che sperare in un futuro prospero e luminoso per entrambe le società, che possa donare a tutti gli utenti servizi sempre più efficaci ed efficienti.