marte
Fango su Marte = presenza di acqua

Crepe di fango sono lo scenario più probabile qui“: con queste parole, Nathan Stein, uno studente laureato presso il Caltech e parte del team scientifico che segue Curiosity ha guidato la ricerca di un sito chiamato Old Soaker, ha definito la superficie del monte Sharp, su Marte. “Se questa interpretazione regge, queste sarebbero le prime crepe di fango – tecnicamente chiamati crepe da disseccamento“. Dunque, in parole povere, presenza di acqua.

Sarebbero la prova che l’antica epoca in cui questi sedimenti sono stati depositati ospitava alcune aree essiccate dopo aver sperimentato condizioni di umidità“.

Curiosity ha rilevato le prove di antichi laghi. Le caratteristiche ci sono tutte, visti gli strati di roccia e delle fratture dove si pensa che il terreno, un tempo, possa essere stato fangoso e, quindi, poi prosciugato e screpolato. Lo strato incrinato si sarebbe formato più di 3 miliardi di anni fa ed è stato successivamente sepolto da altri strati di sedimenti, fino a divenire roccia stratificata. Più tardi, l’erosione del vento ha strappato via gli strati sopra Old Soaker.

Le crepe che si formano sulla superficie, come nel fango in essiccazione, generalmente si riempiono di polvere portata dal vento o sabbia. La pressione da accumulo dei sedimenti sovrastanti può causare fratture sotterranee nella roccia. Queste fratture generalmente sono riempiti da minerali prodotti dalla falda che circola attraverso le fessure, come vene luminose di solfato di calcio. Entrambi i tipi di materiale crepa di riempimento sono stati trovati a Old Soaker. Ciò può indicare più generazioni di fratturazione: crepe di fango prima, sedimento depositato poi e un episodio successivo di fratturazione sotterranea.

Se queste sono davvero crepe di fango, si adattano bene con il contesto di quello che stiamo vedendo nella sezione del Monte Sharp grazie a Curiosity da molti mesi“, ha affermato Ashwin Vasavada, scienziato del Jet Propulsion Laboratory della NASA. “Gli antichi laghi variavano in profondità ed estensione nel tempo, e talvolta scompaiono. Stiamo assistendo alla prova di intervalli asciutti tra quello che era stato di uno dei laghi più longevi”.

Oltre le crepe che probabilmente si sarebbero formate a causa dell’essiccazione, altri tipi di prove sono state osservate nella zona con strati di arenaria intervallati con altri di fango. Questo modello può costituire la prova evidente di un percorso nel quale l’acqua scorreva con più vigore vicino alla riva di un lago.

Il team di Curiosity sta continuando ad analizzare i dati acquisiti sulle possibili crepe di fango e sta anche cercando siti simili per aspetto.