google gboard
Tastiera Google diventa Gboard

La tastiera Google lo scorso mese si era aggiornata diventando così la nuova Gboard. Tra le novità principali introdotte con questa nuova versione c’è la ricerca rapida sul motore di ricerca direttamente integrata nella tastiera. Il tutto avviene grazie alla pressione di un piccolo tasto a forma di G posto in alto a sinistra.

Purtroppo al momento c’è qualcosa che non va

Se state riscontrando problemi nel funzionamento di Gboard non preoccupatevi. Non avete inavvertitamente cambiato qualche impostazione o modificato parametri importanti. Vari problemi nel regolare funzionamento dell’applicazione sono lamentati da parecchi utenti nel corso delle ultime ore.

Il problema più diffuso sembra essere relativo alla lingua utilizzata per i suggerimenti. La predizione dei suggerimenti sarà sempre in Inglese, sia nel caso in cui sia inserita come lingua della tastiera l’Italiano sia si usa quella di sistema.

Questo problema si ripercuote anche sul correttore automatico. Infatti tutti i termini scritti verranno riconosciuti come errati, modificati dal correttore automatico e sostituiti con termini inglesi ritenuti più appropriati.

Si tratta di un bug veramente fastidioso che al momento non sembra avere una causa in particolare. Il bug è stato riscontrato inizialmente sui dispositivi Nexus 5, Nexus 5X e Nexus 6P, ma successivamente anche su vari device Samsung e Huawei. Questo fa ipotizzare a delle modifiche lato server da parte di Mountain View.

Al momento l’unico consiglio che possiamo darvi, prima di tentare un downgrade ad un versione precedente, è quello di entrare nelle Impostazioni dell’applicazione. Una volta fatto basterà terminare l’applicazione e cancellare tutti i dati. In questo modo la situazione dovrebbe tornare normale. Tuttavia non si tratta di una soluzione definitiva in quanto spegnendo e riaccendendo il telefono il bug tornerà.

In questo caso, se il bug dovesse rendere inutilizzabile la tastiera, è consiglaito disinstallare gli aggiornamenti di Gboard dal Play Store. Così si ritornerà alla versione precedente non afflitta dal bug in attesa di un fix.